Covid, Procida verso l’immunizzazione: partono le vaccinazioni di massa

procida capitale cultura 2022Prosegue la campagna contro il covid in Campania e l’isola di Procida si prepara all’avvio delle vaccinazioni di massa, previsto per mercoledì 28 aprile.

Procida, via alle vaccinazioni di massa

A renderlo noto è il sindaco Dino Ambrosino che dichiara: “Mercoledì 28 aprile cominciano le vaccinazioni di massa a Procida, presso il Comune. Entro sabato tutti gli aderenti alla campagna riceveranno il vaccino. I primi 700 saranno convocati a partire dalle 9:00, in ordine sparso d’età”.

“Considerata l’opportunità, invitiamo chiunque è interessato a registrarsi sulla piattaforma. Per i marittimi siamo in attesa della conferma dell’inserimento da parte della Regione. Seguiranno ulteriori aggiornamenti” – conclude.

Per i cittadini che vorranno sottoporsi alla somministrazione del vaccino basterà collegarsi all’apposita sezione online, messa a disposizione della Regione Campania, comunicando la propria adesione. Per avviare la procedura basterà inserire il codice fiscale e il numero di tessera sanitaria e procedere in base alle indicazioni fornite.

Più volte il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha ribadito la volontà di procedere alla vaccinazione di massa degli isolani, salvando in questo modo la stagione turistica. Capri, Ischia e Procida, infatti, continuano ad attestarsi come mete di rilievo internazionale e, in particolare, quest’ultima si è aggiudicata il titolo di ‘Capitale della Cultura 2022’. Ridurre il rischio di diffusione del covid, attraverso la vaccinazione, potrebbe attrarre turisti provenienti da ogni dove in vista della stagione estiva.

Intanto, la campagna prosegue sull’intero territorio regionale. Continuano a raggiungere cifre elevate le somministrazioni riservate a pazienti fragili ma anche over 70 e 60. Il numero degli over 80 vaccinati, sulla base delle adesioni pervenute, ha raggiunto il 100%.

Nel frattempo, da ieri, sono state avviate anche le adesioni per gli over 50. La piattaforma, dunque, è attiva anche per i cittadini compresi nella fascia d’età che va dai 50 ai 59 anni. Un ulteriore passo avanti per raggiungere l’obiettivo, preannunciato dal Presidente De Luca, di raggiungere l’immunità entro l’autunno.

Potrebbe anche interessarti