Vaccini in farmacia, Federfarma: “Siamo in grado di farne oltre 200mila al giorno”

vaccino covid

Per velocizzare la campagna vaccinale, vi è l’imminente introduzione della possibilità di somministrare i vaccini anti covid anche in farmacia. Finora, quasi 11mila hanno dato la disponibilità a somministrare il vaccino anti-Covid. “Siamo in grado di fare oltre 200mila vaccini al giorno”, ha dichiarato il presidente nazionale di Federfarma Marco Cossolo, secondo quanto si apprende dal sito Federfarma.it.

Inoltre, per non rallentare la campagna vaccinale anti covid, il Commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo, ha proposto di estendere la somministrazione dei vaccini Astrazeneca e Johnson & Johnson anche alle persone con meno di 60 anni.

L’idea è stata condivisa dal responsabile della Protezione civile, Fabrizio Curcio, secondo il quale “i vaccini vanno impiegati tutti”. Della stessa opinione è anche il presidente dell’Aifa e virologo del Comitato tecnico scientifico Giorgio Palù, che precisa: “Non c’è mai stato un divieto. Ema non ha posto restrizioni per età mentre Aifa ha solo dato un’indicazione per uso preferenziale agli over 60. Il suggerimento è stato interpretato come regola, ma non è così”.

Infine, il Commissario Figliuolo avverte che “se non impieghiamo tutti i vaccini, il ritmo della campagna non raggiungerà i risultati e gli effetti voluti nei tempi”.

Dunque, la possibilità di introdurre i vaccini anti covid in farmacia, sommata alla somministrazione di AstraZeneca e Johnson & Johnson a tutti e non solo agli over 60, sarebbero due operazioni fondamentali per far proseguire a pieno ritmo la campagna vaccinale.

Potrebbe anche interessarti