Covid Campania, verso la quarta settimana consecutiva in zona gialla: si svuotano le terapie intensive

Come ogni venerdì oggi è il giorno del monitoraggio Iss-ministero della Salute sull’andamento dell’emergenza Covid. In base ai dati saranno decise le nuove ordinanze del ministro Roberto Speranza. Quasi tutta Italia dovrebbe rimanere in area gialla con l’ingresso anche di altre regioni nella fascia a basso rischio. Anche la Campania dovrebbe restare in zona gialla grazie ai dati positivi di questa settimana, numeri in netto miglioramento rispetto alla scorsa. I nuovi positivi sono 5.522 a fronte però di 9.909 guarigioni.

Si alza leggermente il numero dei decessi toccando quota 147 (+ 4 rispetto alla sorsa settimana). Un dato invece molto utile e positivo sono i letti occupati in terapia intensiva: secondo il bollettino di ieri sono 105 – ben 17 in meno rispetto alla scorsa volta. Con questi numeri e con questi parametri, quasi sicuramente la Campania vivrà la sua quarta settimana consecutiva in zona gialla.

La prossima settimana potrebbero arrivare i nuovi parametri per definire lo status dei territori, come chiesto dai governatori. Le regioni spingono per superare l’attuale parametro dell’Rt che pesa sul sistema delle zone rosse, arancioni e gialle. I presidenti, a quanto pare, hanno chiesto di tenere in considerazione l’indice Rt ospedaliero e di introdurre il sistema a zone di rischio legato all’incidenza: 50 casi per 100mila sarebbero indicatore di rischio basso, 150 casi per 100mila abitanti sarebbero rischio medio. Al di sopra della soglia, si passa al rischio alto.

In zona gialla ricordiamo che sono aperti i ristoranti e i bar, parrucchieri, così come teatri e cinema – anche di sera. Il limite, come in tutte le regioni, è quello del coprifuoco alle 22. “Mi auguro che già la prossima settimana ci possa essere un allungamento del coprifuoco almeno di un’ora o anche di 2 ore. E credo che il mese di giugno possa essere un mese dove poter valutare l’ipotesi di abolire il coprifuoco“, ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa.

Potrebbe anche interessarti