Vaccini, De Luca: “In arrivo oltre 3 milioni di card. Si potrà andare oltre i limiti”

de luca carta vaccino

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della consueta diretta, oltre a fare il punto sulla campagna anti-covid, ha annunciato la consegna di altre card vaccinali.

De Luca, card vaccinali: “Si potrà andare oltre i limiti”

Queste le sue parole: “Siamo la prima realtà d’Italia con un’azienda del trasporto pubblico totalmente vaccinata, l’EAV. Abbiamo avviato una simile operazione per i tassisti e fatto accordi per dipendenti della motorizzazione, delle poste. Abbiamo fatto un lavoro gigantesco. Avremo una notte bianca a Napoli, questo weekend, nel centro di vaccinazione della Mostra d’Oltremare e nel Centro di Capodichino di cui siamo orgogliosi”.

“Abbiamo il centro di vaccinazione più bello del mondo a Capodimonte. Non c’è nessuna sala di attesa nella quale si possa godere di opere d’arte straordinarie. Siamo i primi in Italia non solo per queste ragioni di merito ma perché questi obiettivi, dei quali non troverete notizie se non completamente falsate, sono stati raggiunti con 20 mila dipendenti in meno. Non ce l’avrebbe fatta nessuno. Sono pronto ad accogliere smentite”.

“Fino alla settimana scorsa avevamo 230 mila vaccini in meno. Siamo la Regione che ha avuto meno vaccini in relazione alla popolazione. Abbiamo recuperato 50 mila dosi ma ne abbiamo sempre 150 in meno.

Inizialmente abbiamo accettato che arrivassero più vaccini alle Regioni più anziane. Oggi che abbiamo completato tale fascia e si comincia a parlare della fascia 16-40 abbiamo chiesto al commissariato di dare oggi più vaccini alla Campania per una ragione molto semplice: siamo la popolazione più giovane”.

“Come prima abbiamo dato più vaccini agli altri oggi è semplicemente corretto dare più vaccini alla Campania con maggior popolazione più giovane fino ad arrivare a settembre ad avere una posizione di equilibrio. Adesso dovrebbero anticipare le dosi di vaccino alla Regione Campania.

Nella fascia 16-40 anni la Campania ha il 30% della popolazione. In questa stessa fascia la Lombardia ha il 26,5%, il Veneto 25,8%, il Lazio 26,7, la Liguria 23%. Ora la Liguria dovrebbe avere meno vaccini della Campania. Formalizzeremo al Commissariato questa richiesta”.

“Dobbiamo recuperare ancora 150 mila dosi che mancano all’appello. Da oggi in poi se cominciamo dai 16 anni in poi dobbiamo avere una percentuale in più di vaccini consegnati. Vedremo dove arriviamo, di questo non vi parlerà nessuno in Italia, tranne il Presidente della Campania che vi racconta la verità.

Nonostante 20 mila dipendenti in meno, 200 mila vaccini in meno e una penalizzazione che diventa grave se cominciamo a vaccinare la fascia 16-40, abbiamo prodotto risultati di assoluta eccellenza. Questo senza chiudere i reparti ordinari. Abbiamo avuto sicuramente ritardi ma non abbiamo chiuso nessun reparto”.

“Per tutti questi motivi dobbiamo essere orgogliosi e rivendicare il fatto che siamo la prima Regione di Italia. Ciò per rispetto della realtà e come atto di gratitudine al nostro personale medico, a chi si è sacrificato in maniera incredibile in questo anno e mezzo”.

Sulle card vaccinali: “Oggi guardiamo al futuro. Siamo la prima Regione di Italia che ha prodotto la tessera di avvenuta vaccinazione. Ne abbiamo già consegnate 250 mila. Ne arriveranno altri 3 milioni e mezzo di tessere da inizio giugno per chi fa le due dosi o il vaccino Johnson. Si sta parlando in Italia e in Europa, noi l’abbiamo già realizzata.

Si potrà andare oltre i limiti, si potrà andare allo stadio, in treni, aerei, cinema, ristoranti. Mi pare un altro bel risultato di eccellenza che possiamo rivendicare con molta sobrietà ma anche con una punta di orgoglio. Non lo ha fatto nessuno e non lo racconterà nessuno”.

Potrebbe anche interessarti