Covid, Crisanti lancia l’allarme: “C’è poco tracciamento. In Inghilterra casi in aumento”

covid crisanti tracciamento

Andrea Crisanti ha lanciato l’allarme sui casi di Covid emersi negli ultimi giorni. Secondo il virologo in Italia c’è poco tracciamento e non bisogna abbassare la guardia, perché anche se i numeri delle vaccinazioni crescono, c’è sempre il rischio di poter tornare indietro. Il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Padova, ha rilasciato all’Adnkronos Salute alcune dichiarazioni in merito:

Non abbassare la guardia, indipendentemente dai numeri delle vaccinazioni che crescono. In Inghilterra i casi sono in aumento. C’è preoccupazione per la variante indiana di Sars-CoV-2 che ha un indice di trasmissione che appare superiore anche a quello della variante inglese, quindi si trasmette più velocemente. I britannici stanno rivedendo la tabella delle riaperture. Loro la variante indiana la vedono con molta cautela e non sono disposti a prendere nessun rischio“.

Ciò che si auspica Crisanti è che ci sia controllo e sorveglianza ad accompagnare le riaperture, cosa che, al momento, in Italia, pare non ci sia: “Come medico ricercatore sono avverso ai rischi e lo ribadisco. In Italia penso che stiamo via via eliminando tutte le misure di cautela e controllo anti-Covid. E penso che ogni apertura e ogni allentamento debbano essere accompagnati da misure aggiuntive di controllo e sorveglianza.

L’Italia lo sta facendo? Vedremo se lo farà. Al momento, mi sembra evidente che nelle varie Regioni d’Italia non si faccia abbastanza tracciamento. Lo dicono i dati e lo segnalano anche altri colleghi ricercatori che si stanno facendo meno tamponi. Questa è invece la fase in cui bisognerebbe farne di più, perché hanno più effetto e si potrebbero fermare sul nascere pericolosi focolai“.

Crisanti si è espresso anche sulla possibilità di rendere obbligatorio il vaccino per i ragazzi: “E’ chiaro che senza vaccinare contro il Covid i ragazzi l’immunità di gregge non si raggiunge e rendere il vaccino obbligatorio potrebbe aiutare, ma per i più giovani io attenderei a parlare dell’ipotesi di un obbligo. E’ molto presto e non ci sono abbastanza dati su questa fascia d’età. Serve più tempo“.

Quanto è vitale raggiungere l’immunità di gregge? Dipende, se si controllano le varianti e si fanno i richiami agli anziani e ai fragili, si può fare a meno dell’immunità di gregge. Ogni volta che entra in gioco e si diffonde una variante con un indice di trasmissione superiore, si alza anche l’asticella dell’immunità di gregge. Potrebbe succedere ancora. Per esempio con la variante indiana, a giudicare dalle prime informazioni disponibili“.

Il virologo ha commentato anche l’eventualità di un terzo richiamo: “E’ ancora presto per dirlo perché non sappiamo quanto dura l’immunità ottenuta col vaccino. Finché non si chiarirà questo non si potrà sapere. Nei guariti sappiamo che l’immunità sicuramente dura intorno a 10-12 mesi. Per i vaccinati nessuno lo può sapere ancora in maniera definitiva. Ci vuole più tempo, e quindi è presto per definire quando sarà necessario fare i richiami“.

Potrebbe anche interessarti