Ischia, il capodoglio Zeus torna nelle acque dell’Isola dopo 13 anni

capodoglio zeus
Foto Facebook – Oceanomare Delphis Onlus

Il capodoglio Zeus è tornato nelle acque del sud dopo 13 lunghi anni. E’ stato fotografato dal gruppo di Oceanomare – Delphis, che da anni monitora la popolazione dei cetacei nel canyon sottomarino di Cuma, tra Ischia e Ventotene. Zeus è un capodoglio e fu avvistato nelle acque dell’area marina protetta Regno di Nettuno nell’ottobre 2008.

LEGGI ANCHE: Balena grigia avvistata nel Golfo di Napoli

Quattro anni più tardi – agosto 2012 – lo hanno filmato nel mar Ligure i ricercatori ed i volontari dell’associazione Menkab, che si occupa di studi e divulgazione sul mar Mediterraneo. Sempre nel 2012, pochi giorni dopo il primo avvistamento, Zeus è stato di nuovo fotografato nelle acque di Arma di Taggia, in provincia di Imperia, dai volontari dell’associazione Delfini del Ponente. Quest’anno, poi, l’animale era stato notato ancora una volta nel mar Ligure ad aprile. Ha ora fatto rotta verso sud.

Sabato scorso Zeus è finalmente ritornato nelle acque di Ischia, lo staff di Ischia Dolphin Project ha tracciato acusticamente l’animale nelle acque del canyon di Punta Imperatore e fotoidentificato l’individuo riconoscendolo come Zeus. Bentornato Zeus!” – questa la gioia dello staff di Oceanomare Delphis Onlus sulla pagina Facebook.

Zeus è tornato ma, cos’è un capodoglio?

Il capodoglio è il più grande degli Odontoceti, con una lunghezza media di 18 metri e un peso di 50 tonnellate. La femmina è di dimensioni più ridotte (11 metri circa).

Caratteristica della specie è il profilo dell’enorme capo.Le immersioni arrivano fino a oltre 3000 metri. Prima di immergersi il capodoglio si trattiene in superficie per 10-20 minuti, poi inarca il dorso estraendo la grande coda. Nel 2012, la popolazione Mediterranea di capodoglio (Physeter macrocephalus) è stata listata come minacciata nella lista rossa dell’IUCN, a causa del declino numerico della popolazione e a causa dell’esiguo numero di individui adulti. I numeri dei capodogli nel Mediterraneo sono allarmanti, la popolazione è ridotta a poche centinaia di individui.

Potrebbe anche interessarti