Coldiretti, il risultato della pandemia: agriturismi pieni e comportamenti più “green”

Con la festa della Repubblica, abbiamo visto il tutto esaurito negli agriturismi della Campania, con una forte spinta per le esperienze all’aria aperta. “Negli agriturismi della rete Campagna Amica la ripartenza di giugno, ad un anno esatto dalla riapertura dello scorso anno, segna numeri incoraggianti con una crescita di almeno il 30%, su cui probabilmente incide la maggiore serenità acquisita grazie alla vaccinazioni“, spiega Manuel Lombardi, presidente di Terranostra Campania, associazione promossa da Coldiretti.

Ma c’è anche dell’altro, un cambiamento culturale che il covid-19 ha innescato in maniera irreversibile. Le persone, di tutte le età, chiedono un forte contatto con la natura e un rapporto vero con l’accoglienza e con il cibo. I nostri ospiti apprezzano, infatti, un’accoglienza familiare autentica, dove nessuno si sente un numero da sbrigare. Il lockdown e le restrizioni sono stati un enorme momento di consapevolezza collettivo, nel quale questi valori diventano parte essenziale nella ricerca del benessere. E non è un caso che registriamo già sold out fino a fine luglio sia per la ristorazione che per il pernottamento.”

Infatti, secondo l’indagine Coldiretti/Notosondaggi, quasi un italiano su cinque ha scelto di trascorrere le vacanze estive 2021 in campagna, parchi naturali e oasi, coniugando così la voglia di normalità con la garanzia di stare in sicurezza. La campagna è diventata così la seconda meta delle vacanze subito dopo il mare proprio a causa dell’emergenza sanitaria.

Coldiretti: comportamenti più “green”

Inoltre, la pandemia ha anche portato i cittadini ad avere dei comportamenti più “green“. Più di un cittadino su quattro adotta comportamenti o acquista prodotti sostenibili o ecofriendly, rispetto a prima del Covid. Infatti, aumenta sempre di più l’attenzione alla riduzione del consumo delle risorse del pianeta.

Secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’, il 59% degli italiani ritiene che siano necessari interventi radicali e urgentissimi sullo stile di vita per migliorare la situazione ambientale. Più di 8 su 10 (82%) preferisce prodotti Made in Italy per sostenere l’economia, l’occupazione e valorizzare le risorse del territorio. Questa tendenza ha visto il moltiplicarsi di iniziative che uniscono i diversi aspetti di uno stile di vita sostenibile, come ad esempio i green tour in bici o a piedi tra cibo, cultura e territorio, facendo tappa negli agriturismi di Campagna Amica.

Potrebbe anche interessarti