Riapre l’antico Arsenale di Amalfi: visite gratuite per il resto del 2021

                                                         Foto da: amalfi.gov.it.

L’Estate 2021 della Costiera Amalfitana comincia con il rilancio culturale della città di Amalfi a partire da uno dei suoi luoghi-simbolo: domani, sabato 26 giugno 2021, l’antico Arsenale di Amalfi riapre al pubblico con ingresso gratuito. L’iniziativa parte proprio dal Comune di Amalfi che ha deciso di riportare alla sua storica fama il monumento medievale, il quale si presenterà nella sua veste originale grazie ai lavori di restauro a cura di Scabec.

L’antico Arsenale di Amalfi: gioiello storico della città

Il sindaco Daniele Milano ha rilasciato delle dichiarazioni per il sito ufficiale della città di Amalfi, esprimendosi su questa iniziativa, votata a riportare l’antico cantiere navale al suo splendore originario: “Richiamando l’attenzione dei visitatori sull’architettura, le tecniche costruttive, i materiali e le funzioni di un edificio unico in tutto l’Occidente.“. Un valore aggiunto al progetto lo dà l’ingresso gratuito fino alla fine dell’anno, sia ai turisti che ai residenti, volendo essere l’Arsenale uno dei punti di ripartenza culturale per la città di Amalfi e per l’intera Costiera, dopo un periodo di chiusure forzate.

Il progetto di rilancio ha previsto la realizzazione del primo sito web dell’Arsenale di Amalfi e nuovi orari di apertura, volendo ampliare il servizio al pubblico prolungando la possibilità di visita fino alle ore 20.00 nei fine settimana, sempre gratuitamente. Inoltre, il venerdì e la domenica, con partenza alle ore 11.00 e alle ore 17.30, viene offerto un servizio di visite guidate e percorsi a tema della durata di due ore.

Per rendere la visita inclusiva e funzionale sono stati realizzati nuovi materiali informativi in doppia lingua, una mappa dedicata ai più piccoli e un percorso tematico digitale chiamato “Le pietre narranti”. Il progetto si basa sull’utilizzo di codici QR distribuiti lungo le pareti dell’Arsenale e accessibili da qualsiasi smartphone che permettono di approfondire la conoscenza dell’edificio e della sua storia attraverso testi, foto e audio.

La novità più attesa resta sicuramente ricollocazione in Arsenale del Galeone in legno della Regata Storica, restaurato e riportato ai colori originari, nel suo contesto principe, affiancato dal nuovo plastico tridimensionale della Città di Amalfi nel XIII secolo, curato e realizzato dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana. L’assessore Cobalto ha affermato: “Il plastico non è solo un eccezionale strumento di conoscenza della storia della città, ma è un piccolo gioiello di design.“.

Così riparte l’estate campana: all’insegna della storia e della riqualificazione dei monumenti storici.

Potrebbe anche interessarti