Villa Literno, Antonio è malato di Sla e chiede aiuto: “Offro lavoro a tempo indeterminato”

antonio tessitoreAntonio Tessitore, un uomo di 45 anni di Villa Literno, combatte con la Sla da 15 anni – la malattia che gli ha cambiato la vita per sempre. In questi anni è stato costretto a farmaci e terapie, stando a letto o su una sedia a rotelle senza potersi godere la sua gioventù. Ad accudirlo ci ha pensato la madre – il padre lo ha perso anni fa – ma anche lei, anziana, è scomparsa ad inizio anno.

Ora Antonio è solo e cerca qualcuno che lo aiuti 24 ore su 24 perché non riesce a badare a se stesso. Sono tanti i messaggi che lancia sul suo profilo Facebook, offerte di lavoro ma anche accuse al Ministero della Salute e alle Asl della Campania, che ormai da anni non rispondono alle sue richieste. I soldi per mantenere le spese mediche sono troppi e dal Comune non arrivano aiuti a sufficienza.

La pandemia inoltre ha aggravato la situazione, già difficile di suo, perché l’assistenza scarseggia a causa del covid e dei contratti di lavoro sottopagati. Ecco perché Antonio offre un contratto a tempo indeterminato, così come scrive sul suo profilo.

Si offre contratto sindacale nazionale per OSS a tempo indeterminato. Cerco persone volenterose per organizzare un team di 4/5 assistenti che sia in grado di offrirmi supporto H24. Sono affetto da SLA da ormai diversi anni per cui le caratteristiche che cerco in chi voglia proporsi sono soprattutto umanità, serietà e professionalità, al di là di competenze che possono anche mancare in quanto verrebbero insegnate da me direttamente. Il luogo di lavoro è sito in Villa Literno presso mio domicilio“.

Antonio Tessitore però negli anni non si è mai arreso e ad inizio anno ha conseguito la laurea magistrale in Scienze Economiche con 110 e lode frequentando a distanza i corsi universitari online dell’Università Pegaso. Un motivo di orgoglio e un esempio di tenacia per tutti quelli che come lui non smettono di arrendersi.

Potrebbe anche interessarti