Europei, De Luca: “Tifosi ammassati senza mascherina. Ne pagheremo le conseguenze”

Il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto aggiornamento alla cittadinanza, ha lanciato un appello ai tifosi, sollecitandoli al rispetto delle norme anti-covid in vista della finale degli Europei.

De Luca sui tifosi agli Europei: “Segnali di irresponsabilità che pagheremo”

A preoccupare il Governatore è la diffusione delle nuove varianti: “Proseguiamo l’attività di sequenziamento delle varianti, cioè sui campioni dei positivi la Regione fa la metà degli accertamenti delle varianti che si fanno in tutta Italia. Siamo la Regione che individua, prima delle altre, la variante Delta quando è presente, come è presente in alcuni focolai campani”.

“Ho avuto ieri un incontro di dialogo di confronto con la conferenza episcopale campana. Abbiamo deciso di fare un lavoro comune sulle famiglie, la povertà, i giovani. Ho chiesto ai vescovi un aiuto per farci completare la campagna di vaccinazioni. Dobbiamo persuadere tutti i nostri cittadini a completare la campagna se vogliamo tornare alla vita normale e mantenere aperte le attività economiche”.

Sul turismo: “C’è stata un’indagine della Doxa che colloca la Campania in cima alle liste delle destinazioni più attrattive dell’Italia insieme a Sardegna e Puglia. Risulta che il pubblico ha apprezzato molto la campagna covid-free delle isole, delle località turistiche, oltre che la promozione di Procida Capitale della Cultura 2022. Quello che abbiamo fatto in questi ultimi mesi ha avuto un rilievo mondiale”.

Proseguono, inoltre, le attività culturali, dal restauro della cappella di San Gennaro al successo della ‘Mostra del Libro’ che ha registrato oltre 13 mila ingressi, per finire con l’ospitata del maestro Riccardo Muti, alla Reggia di Caserta nell’ambito del programma ‘Un’estate da re’.

“Prosegue l’attività di una Campania viva che sta reggendo con grande dignità e forza la battaglia contro il covid. Sta reggendo bene l’attività sanitaria e di ricerca, ha rilanciato il settore turistico, segue le situazioni di crisi, ha visto il completamento del concorso e si prepara a lanciarne uno nuovo. Quelli che fa la Regione  sono concorsi che danno un lavoro a tempo indeterminato. Quindi stiamo reggendo e consolidando l’immagine di un’altra Campania e un altro Sud, dinamico, vivo che non teme la sfida dell’efficienza nei confronti di chiunque, nell’Italia e nel mondo, nei campi in cui abbiamo eccellenze e tradizioni di livello mondiale” – ha continuato.

Quanto allo sport e, in particolare, agli Europei: “Ho visto le immagini dello stadio di Wembley e mi sono venuti i brividi. Decine di migliaia di tifosi inglesi e danesi uno sull’altro, nessuno con la mascherina in un Paese nella quale abbiamo oggi 25 mila positivi. In Italia oggi sono 1.400. Sono segnali, a mio parere, di totale irresponsabilità che pagheremo in Europa”.

“Colgo l’occasione per invitare anche i tifosi italiani a vivere queste giornate con entusiasmo e calore. Non dico niente sulla serata di domenica, tutti zitti ma cerchiamo di vivere la passione sportiva con senso di responsabilità. Avremo la finale con l’Inghilterra che nel frattempo ha rubato un rigore ai nostri confratelli danesi e speriamo che domenica non ci siano regali ma solo valori sportivi in campo”.

“Esprimo il mio apprezzamento per Luis Enrique l’allenatore della Spagna, squadra che ha giocato meglio dell’Italia, avrebbe meritato di più. L’Italia ha meritato di più per l’insieme degli incontri di calcio. Ho avuto modo di apprezzare la correttezza, la sportività ma anche l’umanità di Luis Enrique che ha vinto la sua gara e l’ha fatta vincere anche alla Spagna in termini di dignità e civiltà sportiva. Un grande uomo a cui dobbiamo inviare i sentimenti del nostro rispetto e apprezzamento. Per il resto ovviamente forza azzurri ma non diciamo niente altro. Nel frattempo buon lavoro a Spalletti”.

Potrebbe anche interessarti