MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Da Largo Maradona a via Toledo: nuova segnaletica in 3 lingue ai Quartieri Spagnoli

Foto via Facebook: FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli onlus.

Ieri è stata inaugurata la nuova segnaletica ai Quartieri Spagnoli, un progetto della Fondazione FOQUS e la Cooperativa Libertà, per permettere una conoscenza del territorio più approfondita e senza preconcetti: un nuovo sistema segnaletico che valorizza il patrimonio culturale dei Quartieri. Un aspetto molto importante del programma è che non vengono suggeriti percorsi predefiniti al visitatore, il quale viene invece invitato alla libera esplorazione.

Quartieri Spagnoli: come è organizzata la nuova segnaletica

Il progetto è un sistema di orientamento integrato, composto da supporti di segnaletica pedonale, una mappa cartacea in tre lingue -italiano, spagnolo e inglese- e da settembre un’applicazione digitale: un sistema di geolocalizzazione per svelare cosa si nasconde dietro ai palazzi, alla storia e alla cultura del posto. La segnaletica urbana è stata installata in tutto il reticolo storico dei Quartieri e lungo gli assi di via Toledo e Corso Vittorio Emanuele, con l’obiettivo di invogliare i visitatori a una diversa conoscenza del quartiere, intrinseca e che vada al di là del luogo comune.

L’elemento centrale del sistema di orientamento è la mappa tematica: una visualizzazione planimetrica del quartiere il cui disegno è stato affidato ai designer Massimo Colombo e Enrica D’Aguanno, docenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. La mappa evidenzia tutti i principali luoghi d’interesse divisi in categorie: chiese, palazzi, patrimonio storico spagnolo, edicole sacre, arte, luoghi di comunità. Ciascuna categoria è divisa per colore e i luoghi d’interesse facilmente identificabili con l’aiuto di una legenda. A questi punti sono associate delle schede descrittive e una georeferenziazione -da settembre-, affinché il contenuto sia disponibile attraverso un’app appositamente realizzata per i sistemi Apple e Google. La segnaletica urbana si completa con il posizionamento di paline all’interno dei Quartieri, con la descrizione della storia o delle caratteristiche che rendono significativo quel luogo, il tutto sempre in tre lingue: italiano, spagnolo e inglese.

I risultati del progetto sono stati inaugurati alla presenza del Presidente della II Municipalità Francesco Chirico, di esponenti istituzionali della rappresentanza spagnola a Napoli e dell’Ambasciatore di Spagna S.E. Alfonso Dastis, che nell’occasione ha consegnato a Rachele Furfaro, presidente di FOQUS, la “Placa de Honor al Mérito Civil“, conferita da Re Felipe VI, per il lavoro svolto in questi anni dalla Fondazione nei Quartieri Spagnoli.

Potrebbe anche interessarti