MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Domanda di Messa a Disposizione per la supplenza a scuola: come inviarla nel modo corretto

professore insegnante docente scuolaLa Messa a Disposizione (MAD) è una proposta informale, prevista dal Miur, con cui l’aspirante supplente rende noto al Dirigente Scolastico la propria disponibilità a ottenere un incarico. Potrebbe essere paragonata a dei curricula tra i quali le scuole hanno l’opportunità di individuare il profilo più adatto ad assegnare la supplenza.

Compilare le MAD tuttavia non è sempre semplice, anzi, spesso vengono scartate perché contengono errori o sono incomplete: in questo modo l’aspirante supplente non sfrutta le possibilità che ha di fronte di trovare un incarico. Ecco, quindi, una semplice guida per conoscere il modo corretto di inviare la Messa a Disposizione.

Domanda di Messa a Disposizione: come inviarla

Essa può essere mandata secondo differenti modalità: a) via email, cercando preventivamente gli indirizzi di posta elettronica di tutte le scuole della provincia in cui si ha intenzione di candidarsi; b) per posta raccomandata; c) di persona; d) affidandosi ad una apposita piattaforma che invii la candidatura al posto dell’aspirante supplente.

Le prime tre modalità, a ben guardare, non dànno la certezza che la domanda venga effettivamente accolta e richiedono un grosso lavoro e parecchio tempo, oltre che denaro (il costo delle raccomandate o del carburante per gli spostamenti). Non solo, il fatto di compilarla autonomamente sottopone all’eventualità di commettere degli errori che rendono la domanda scartabile a priori.

Per evitare tale problema Docenti.it mette a disposizione la sua piattaforma e ben sei anni di esperienza nell’invio online delle domande di Messa a Disposizione, riuscendo a ottimizzare le probabilità di essere chiamati a svolgere uno o più incarichi di supplenza. Grazie al supporto di consulenti specializzati, che correggeranno e perfezioneranno le domande, il docente viene accompagnato dall’inizio alla fine del percorso di compilazione ed invio della MAD.

Il servizio di invio MAD di Docenti.it

Un servizio non solo estremamente efficace e semplice, ma anche molto veloce. Ogni candidato supplente verrà contattato nell’arco di 24 ore dal pagamento del servizio: un consulente specializzato la prenderà in carico e un team apposito la correggerà rendendola perfetta. Non solo: la domanda di Messa a Disposizione verrà inviate alla scuole e l’aspirante supplente riceverà un documento con tutti i contatti delle scuole cui è stata fatta pervenire. La domanda, infine, verrà inserita all’interno dell’Elenco Nazionale Supplenti, un database condiviso tra tutti gli Istituti scolastici d’Italia, pubblici e privati, da dove si possono attingere i profili dei docenti cui assegnare l’incarico. Compila qui la tua MAD.

Potrebbe anche interessarti