MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Covid, De Luca ai cittadini: “Se vi impegnate a fine ottobre usciamo dal calvario”

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso del consueto aggiornamento alla cittadinanza, ha invitato i cittadini ad aderire alla campagna di vaccinazione per uscire fuori dall’emergenza covid già dalla fine di ottobre.

De Luca ai cittadini: “Se vi impegnate usciamo dal calvario covid a fine ottobre”

Queste le sue parole: “Nel periodo di luglio e agosto abbiamo retto bene in Campania soprattutto perché abbiamo fatto due operazioni in anticipo. La prima è stata l’immunizzazione dei luoghi turistici che ci ha consentito di reggere l’impatto delle presenze esterne”.

“Sono arrivate centinaia di migliaia di persone e abbiamo retto bene. A Ischia abbiamo avuto 300 positivi a cavallo di Ferragosto ma molti asintomatici, non ci sono state situazioni drammatiche. Dobbiamo aspettare metà settembre per avere i dati definitivi e vedere quale sarà la ricaduta sulla nostra Regione del periodo festivo che, come sappiamo, ha registrato anche momenti di scarsa responsabilità”.

“Feste, assembramenti nelle serate sugli stabilimenti balneari, eventi di vario tipo. Abbiamo messo in conto che se volevamo dare un po’ di respiro all’economia turistica bisognava mettere nel conto anche un aumento di contagi. Si sapeva che ci sarebbe stato ma per quello che ci riguarda abbiamo retto ma dobbiamo aspettare metà settembre”.

“Abbiamo retto anche perché siamo l’unica regione italiana nella quale è stato mantenuto l’obbligo di mascherina anche all’esterno. Rinnovo l’invito a rispettare questo obbligo. Da noi è obbligatorio. Dico alle forze dell’ordine di fare dei controlli attenti almeno nei luoghi dove ci sono assembramenti”.

Lancia, poi, un appello alla cittadinanza: “Oggi voglio lanciarvi un messaggio molto semplice ma che è insieme di speranza e responsabilità. Se i nostri concittadini ci danno una mano e si impegnano per i prossimi due mesi a completare la campagna di vaccinazione noi a fine ottobre usciamo dal calvario”.

“In questo momento abbiamo fatto oltre 7 milioni di vaccinazioni. Abbiamo oltre 3 milioni di immunizzati. Se togliamo quelli che già hanno fatto almeno una dose, dobbiamo fare in questi due mesi un milione e 800 mila nuove vaccinazioni per arrivare ad avere 4 milioni e mezzo di campani immunizzati e avere così l’immunità di gregge. Basta un impegno a completare questa campagna di vaccinazione per ritornare alla vita normale. Mi permetto di segnalarvi questa prospettiva, questa speranza: dipende solo da noi”. 

“Alcuni mesi fa abbiamo combattuto perché non arrivavano in Campania i vaccini necessari, contro una gestione non corretta che ci ha penalizzato. Avessimo avuto tutti i vaccini disponibili quando c’era l’ondata di iscrizioni oggi saremmo ancora più avanti. Da fine maggio e giugno la campagna ha subito un ritardo per il disastro comunicativo che hanno fatto a Roma”.

“Oggi abbiamo in giacenza quasi un milione di dosi di vaccino ed è Pfizer. Non abbiamo più quelli a trasmissione virale, né AstraZeneca né altri. Ci eravamo preoccupati di fare un contratto con Sputnik ma bisognava avere l’autorizzazione dell’Ema quindi oggi abbiamo solo Pfizer e Moderna. Sono stati somministrati a milioni di persone e non ci sono state conseguenze. Se qualcuno ha avuto qualche timore andiamo avanti con responsabilità perché non c’è motivo di avere timore”. 

Potrebbe anche interessarti