MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Circumvesuviana, buone notizie per i pendolari: 66 corse in più dal 6 settembre

circumvesuviana corseBuone notizie per i pendolari della Circumvesuviana: da lunedì prossimo, 6 settembre, entra in vigore il nuovo programma di esercizio di EAV, che prevede 66 corse giornaliere in più rispetto ad oggi.

Il nuovo Programma di Esercizio implica un aumento dell’offerta dei servizi ferroviari di trasporto di circa il 35% rispetto ad ora, e sarà articolato su 264 corse al giorno dal lunedì al sabato, ridotte a 194 corse la domenica e nei giorni festivi. Anche la struttura oraria verrà modificata, con una corsa ogni 24’ anziché ogni 30’.

Sulla linea Napoli – Sorrento l’esercizio ferroviario sarà garantito tutto l’anno fino alle ore 23 con 72 corse al giorno. Tra queste 18 corse direttissime – oltre alle 8 corse del “Campania Express” già in vigore dal 5 giugno – cui si aggiungono 38 nuove corse al giorno tra Napoli e Torre del Greco via Centro Direzionale.

Sulle linee di Poggiomarino, Sarno e Baiano il servizio sarà garantito dalle 6 alle 21 con, complessivamente, 36 corse in più. Sarà ripristinato anche il servizio tra Napoli e Pomigliano d’Arco con 12 nuove corse feriali al giorno. In definitiva, la Circumvesuviana avrà le seguenti corse in più:

– 12 corse in più sulla linea Napoli – Sorrento;

– 38 nuove corse giornaliere tra Napoli e Torre Del Greco via Centro Direzionale, che sostituiranno i 32 treni ‘locali’ tra Napoli e S. Giorgio a Cremano;

– 13 corse in più sulla linea Napoli – Sarno;

– 14 corse in più sulla linea Napoli – Baiano;

– 9 corse in più sulla linea Napoli – Poggiomarino;

– 12 nuove corse tra Napoli e Pomigliano.

L’EAV comunica inoltre che resta il programma di esercizio per le linee flegree, mentre sulla metropolitana Piscinola – Aversa l’esercizio proseguirà tutti i giorni (festivi compresi) fino alle ore 22:00, con 64 corse giornaliere.

Con l’inizio dell’anno scolastico, infine, saranno ripristinate le corse aggiuntive dei bus a supporto anche delle linee ferroviarie, in particolare sulle direttrici che interessano gli Istituti scolastici. Oggi vi è stata la prima riunione del tavolo convocato dal Prefetto di Napoli: resta fondamentale la differenziazione degli orari di ingresso non solo nelle scuole, ma anche negli uffici pubblici e privati e negli esercizi commerciali.

Potrebbe anche interessarti