Aria nauseabonda a Giugliano, il sindaco: “Magistratura controlli tutti gli impianti”

Giugliano. Ancora aria irrespirabile e puzza nauseabonda in tutta la zona dell’area nord di Napoli. I cittadini ormai sono stremati e la causa è ancora sconosciuta.

A lavoro l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Nicola Pirozzi: “E’ indispensabile che la magistratura controlli uno ad uno tutti gli impianti di rifiuti che operano sul nostro territorio. La situazione è esplosiva sul piano sociale e rischia di sfuggire di mano“.

Giugliano, puzza nauseabonda in tutta l’area nord

Alle ore 19, – racconta – ero come sempre al Municipio a lavorare per la mia città. Dal balcone inizio a respirare miasmi insopportabili. Il vento soffia e i cattivi odori raggiungono immediatamente sempre con maggiore forza il centro città. Sono in costante contatto con l’Arpac, con le forze dell’ordine. Ho chiesto l’intervento della magistratura perché il sindaco non ha i poteri per chiudere un impianto se le carte sono a posto. E purtroppo le autorizzazioni, controllate già da agosto, dalla Polizia comunale sono in regola“.

È un problema di cattivo funzionamento di uno o più impianti. – prosegue – C’è qualche delinquente o anche più di uno che pensa che Giugliano sia ancora “zona franca”. È assurdo che i carabinieri trovino i cancelli sbarrati e i dipendenti di quei mostri non li fanno entrare per “ordine della proprietà”.
Sono importanti le mobilitazioni popolari, qualsiasi iniziativa è determinante per far capire che siamo stufi, che questa terra non vuole più subire in silenzio; alla politica il compito di battere i pugni sul tavolo, unendo le forze, perché è chiaro ormai a tutti, tranne a chi è in malafede e vuole solo speculare, che il problema non lo si risolve con la Polizia locale. Servono mandati giudiziari, servono controlli delle forze dell’ordine specializzate nel settore ambientale per scovare questi delinquenti.

Insieme ai sindaci – continua il primo cittadino di Giugliano – dell’area nord di Napoli consegneremo le fasce tricolori al Prefetto di Napoli e lo sto dicendo in tutte le salse: la situazione è esplosiva e rischia di degenerare anche sul piano dell’ordine pubblico perché è assurdo, inconcepibile, vergognoso che dei cittadini possano respirare tutte le sere miasmi di ogni tipo, barricati in casa, senza dire niente.
Chiedo l’intervento della magistratura che con l’ausilio delle forze dell’ordine ha i poteri per superare la resistenza ai cancelli di quei mostri privati, controllare ogni millimetro di quegli impianti per assicurare alle patrie galere questi delinquenti. Chiunque sia deve pagare.
Anche stasera solita trafila; ho chiamato l’Arpac che mi assicura controlli quotidiani; sono in contatto con le forze dell’ordine, col Prefetto della Terra dei fuochi ma sono tutte iniziative di supporto. Serve un’azione decisa della magistratura in quelle enclaves dell’illegalità per analizzare a fondo non le scartoffie ma il cattivo funzionamento di quegli impianti.

Ormai è una battaglia quotidiana e non dev’essere combattuta solo da noi cittadini. Vogliamo che lo Stato si faccia sentire forte al nostro fianco. Dev’essere una battaglia dello Stato contro la delinquenza. E per vincerla abbiamo bisogno della magistratura. Diamo il massimo ogni giorno e pretendiamo che al nostro fianco ci siano quelle istituzioni che hanno i poteri per intervenire anche per frenare quell’arroganza di cancelli sbattuti in faccia ai carabinieri e al sindaco. Perché questo sindaco, e lo sanno bene, non sarà mai compiacente.
Non ci arrendiamo e alzeremo sempre di più la voce fino ad azioni eclatanti. Tanto lo sto dicendo. La situazione rischia di degenerare anche sul piano dell’ordine pubblico perché non ce la facciamo più. Abbiamo bisogno della magistratura“, conclude.

Potrebbe anche interessarti