Da Napoli ai Caraibi per una vacanza da sogno: come raggiungerli

Chi di noi almeno una volta nella vita non ha sognato di fare le valigie e partire per delle vacanze ai Caraibi?

Acqua cristallina e spiagge di sabbia bianchissima, palme e un panorama da togliere il fiato. Una vacanza da sogno per chi ama i posti esotici e non solo.

Caraibi, un insieme di Paesi sul mare caraibico

I “Caraibi” non sono un unico arcipelago, ma si tratta di tutti i paesi bagnati dal Mar dei Caraibi. Questi comprendono le Grandi Antille e le Piccole Antille, le celebri Bahamas, Cuba e Porto Rico, Haiti, la Giamaica, le Bermuda, l’isola di Barbados e Santo Domingo.

Il nome, in origine, “Caribe”, venne dato dagli Spagnoli per definire i popoli “caribi” che popolavano sia le Antille sia la parte settentrionale del Sud America. Il clima è tropicale, piovoso e con temperatura costante su tutto l’arco dell’anno. La zona è soggetta a fenomeni atmosferici violenti come tempeste tropicali e uragani.

Le lingue parlate ufficiali sono lo spagnolo, il francese, l’inglese, il creolo haitiano, l’olandese e il papiamento. L’economia dell’area si basa principalmente sul turismo e sull’agricoltura, dalle piantagioni di caffè, cotone, canna da zucchero e tabacco. Importante è l’esportazione di rum, zucchero di canna e sigari.

Vacanze ai Caraibi, cosa vedere e cosa visitare

I Caraibi vengono scelti soprattutto per le spiagge paradisiache e il clima tropicale ma non solo, anche per le atmosfere da sogno, musica, sport, vita notturna. Molte sono le attività da poter praticare e i luoghi da vedere e vari sono i pacchetti vacanza ai Caraibi. Imperdibile è l’offerta del tour operator Alpitour Seaclub Catalonia Gran Dominicus. Situato sulla celebre Playa Bayahibe, si trova a circa 120 km da Santo Domingo. Qui si potrà vivere una vacanza all’insegna del confort con un trattamento all inclusive, possibilità di cenare nei ristoranti a la carte, lettini gratuiti in spiaggia e piscina, minibar in camera e programma di intrattenimento con animatori Francorosso.

Cosa si può fare durante una vacanza ai Caraibi:

  • Casinò. Molti sono quelli in stile Las Vegas, sparsi nella zona. Dalle Bahamas a Porto Rico o alla Repubblica Dominicana, ce ne sono vari anche molto lussuosi e per i principianti, alcuni organizzano veri e propri corsi di gioco d’azzardo.
  • Passeggiate nei quartieri. Un viaggio tra i colori, la cultura e l’atmosfera di a l’Avana Antica a Cuba e Santo Domingo. A Cuba si potrà sorseggiare un bicchierino di rum nei locali dove sono passati anche personaggi del calibro di Ernest Hemingway e Pablo Neruda.
  • Risalire le cascate di Dunn River. Ad Ocho Rios si può ammirare il favoloso spettacolo naturale, delle cascate di Dunn River, con un’escursione guidata per poi farsi una nuotata con i delfini nella baia antistante.
  • Visitare il parco acquatico alle Bahamas. L’Atlantis Aquaventure è un enorme parco acquatico che offre la possibilità di divertirsi a tutta la famiglia. Dotato di piscine con vegetazione tropicale, scivoli, cascate e rapide, si possono ammirare numerose specie di pesci tropicali nell’Atlantis marine habitat.
  • Immergersi a bordo di un sottomarino. Se siete amanti dell’avventura quello che fa per voi è un’immersione nell’oceano alla scoperta dei misteriosi fondali delle Barbados. Partendo dalla capitale, Bridgetown, a bordo di un ferryboat, è possibile raggiungere il sottomarino.
  • Scoprire la Barriera Corallina. Un’escursione a largo della spiaggia di Sosua, nella Repubblica Dominicana e un’ immersione alla scoperta delle meraviglie della Barriera Corallina. Si può nuotare nelle grotte ed ammirare la grande varietà di coralli e pesci che animano i fondali e osservare relitti di imbarcazioni, tana di murene e barracuda.
  • Praticare sport acquatici. Per questo genere di attività Cabarete è la meta ideale. Questa località oltre ad essere priva di Barriera Corallina, grazie ai giusti venti va soggetta ad onde molto alte ed il paradiso dei surfisti. Qui si può praticare, oltre al surf, altri sport come il kitesurf, il windsurf e lo sci acquatico.
  • Visitare il museo di Aruba. E’ il cuore della cultura e della storia caraibica. Il palazzo che ospita il Museo Archeologico di Aruba fu un tempo dimora della famiglia Ecury e conserva il patrimonio culturale amerindio del Paese. Costruito nel 1870 da un giovane eroe della seconda guerra mondiale, qui sono custoditi dei preziosi manufatti indiani del 2500 a.c.
  • Gustare specialità locali. Tantissime sono le specialità gastronomiche dei Caraibi. Il jerk è un mix di carne e pesce, marinato e cotto alla brace; l’Astice in salsa criolla viene servita con un condimento a base di cipolle, coriandolo, barbabietole, patate, avocado, pomodori, peperoni, peperoncino e succo di lime; il Pepperpot è una peperonata esotica a base di melanzane, gombo, zucchina patisson, patate.
  • Acquistare dei souvenir. Come per qualsiasi viaggio anche ai Caraibi è possibile fare un giro di shopping. Caratteristiche sono le botteghe di artigianato locale e i mercatini, dove si possono acquistare oggetti e gioielli in legno e abiti in cotone fatti con la tecnica del batik.
Cuba

Come raggiungere i Caraibi da Napoli

Per andare ai Caraibi da Napoli bisogna fare scalo negli Stati Uniti d’America. Da Capodichino ci sono numerosi voli: uno al giorno da/per New York-Newark. La durata del volo è di circa 10 ore e la compagnia aerea che offre voli diretti da Napoli all’Aeroporto di New York Newark è la United Airlines. Dall’Aeroporto di New York Newark si possono raggiungere, con voli diretti, oltre 60 destinazioni negli Stati Uniti, in Canada, in Messico e nei Caraibi.

L’Avana

Potrebbe anche interessarti