Allarme zanzara coreana, gli esperti: “Resiste al freddo, si sta diffondendo verso il Sud”

Nel Nord Italia, in particolare in Lombardia, diventa sempre più diffusa la presenza della zanzara coreana che, stando alle parole degli esperti, ben presto potrebbe invadere anche il Sud. A rivelarlo è uno studio condotto dall’Università di Milano pubblicato su ‘Parasites & Vectors’.

Italia, arriva la zanzara coreana: si sta diffondendo verso il Sud

Soltanto poche settimane fa l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie aveva lanciato l’allarme sulla circolazione della zanzara giapponese nel nostro Paese. Stavolta la ricerca condotta dal polo milanese segnala la diffusione della specie Aedes koreicus, una zanzara, originaria della Corea, resistente al freddo.

Come sperimentato già con l’arrivo della zanzara tigre, l’introduzione involontaria da parte dell’uomo di specie aliene di animali e piante, al di fuori del loro territorio di origine, diventa sempre più frequente. Il fenomeno è favorito da diversi fattori quali condizioni climatiche, continuo movimento di uomini e merci, disponibilità di ambienti adatti allo sviluppo delle larve.

Nel caso specifico, la presenza della zanzara coreana in Italia è stata segnalata per la prima volta in Italia nel 2011. Era stata isolata nella provincia di Belluno, ad altitudini e condizioni climatiche generalmente considerate inadatte per la sopravvivenza della maggior parte delle specie di zanzare. Da allora si è diffusa in buona parte delle Regioni settentrionali.

Come spiegato dalla dott.ssa Sara Epis, docente del Dipartimento di Bioscienze e coordinatrice della ricerca, la caratteristica della zanzara coreana è proprio la resistenza al freddo: “Questa zanzara, a differenza delle note ‘sorelle’ del genere Aedes, come appunto la zanzara tigre, tollera molto bene le basse temperature, tanto che ha già colonizzato un’ampia area collinare-montana del Veneto e Trentino”.

Eppure il fenomeno sembra riguardare tutta l’Italia come sottolineato dal ricercatore Paolo Gabrieli: “Apparentemente la zanzara coreana si sta diffondendo dall’originaria area infestata verso l’Italia meridionale e occidentale, probabilmente in relazione alle intense attività i trasporto merci e alla disponibilità di habitat idonei in altre aree”.

Stando al parere dei ricercatori le indagini su tali specie dovrebbero essere intensificate soprattutto per il fatto che sono in grado di trasmettere virus patogeni per l’uomo e per gli animali.

Potrebbe anche interessarti