Asl Na 1 Centro, “Vaccinarsi tutti per tornare alla vita”: ascolto psicologico per chi ha timore del vaccino

vaccinarsi

“Vaccinarsi tutti per tornare alla vita”: parte domani, 23 ottobre 2021, l’iniziativa dell’Asl Napoli 1 Centro che garantirà ascolto e sostegno psicologico alle persone che provano timore o angoscia al pensiero di sottoporsi al vaccino anti-covid.

La campagna vaccinale è giunta alla terza somministrazione per molti, ma c’è ancora chi per timore o disinformazione non ha ancora ricevuto la prima dose. Per questo l’Asl Napoli 1 Centro ha promosso il progetto “Vaccinarsi tutti per tornare alla vita“. Un team di psicologi, infatti, sarà a piena disposizione di tutti coloro che vorranno confrontarsi in merito alla tematica del vaccino contro il coronavirus.

“Proprio perché consapevoli di quanto la disinformazione trovi il suo punto d’appoggio nel mondo emotivo e nelle angosce dei cittadini, abbiamo pensato di offrire il nostro intervento di supporto psicologico, inteso quale spazio di ascolto finalizzato ad attivare processi decisionali consapevoli nel rispetto dellindividualità del singolo” dichiara Claudio Zullo, Direttore della Psicologia Clinica della Asl Napoli 1 Centro. 

Il servizio offerto alla cittadinanza verrà erogato telefonicamente dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 13:00. I numeri preposti a tale iniziativa sono: 0812549083 (UOC Direzione DS Scampia), 0812549283 (presso UOC A.T. piazza Nazionale) e 081 2548410 (UOC AT Soccavo). Chiamando questi numeri, gli utenti dell’Asl Napoli 1 Centro potranno essere supportati psicologicamente e, qualora lo si decida, avere un vero e proprio accompagnamento psicologico alla vaccinazione.

Durante i fine settimana, inoltre, presso il centro vaccinale Mostra d’Oltremare, dalle ore 8:00 alle ore 20:00, gli utenti potranno essere ascoltati dagli psicologi. Qui, infatti, saranno presenti gli psicologi dell’ASL Napoli 1 Centro in una postazione dedicata, pronti ad aiutare i pazienti che lo richiedano-

“Il Servizio nasce per dare la possibilità, a coloro che lo vorranno, di ottenere un sostegno in termini di ascolto e consapevolezza, cosi da superare condizioni emotive che bloccano o ostacolano processi decisionali importanti per la salute di tutti” spiega il direttore generale Ciro Verdoliva.

Potrebbe anche interessarti