Covid, stato d’emergenza verso un’ulteriore proroga: cosa potrebbe cambiare

Con la risalita dei contagi e l’avanzata della variante Omicron, il Governo sta valutando l’estensione dello stato d’emergenza che potrebbe essere prorogato fino a marzo o addirittura aprile 2022. La misura, dunque, potrebbe prolungarsi oltre il prossimo 31 dicembre, data di scadenza prevista.

Ipotesi proroga stato d’emergenza fino ad aprile 2022

Dall’avvento della pandemia più volte il provvedimento è stato prorogato e ancora una volta potrebbe essere soggetto ad ulteriori rinnovi. Siccome, stando a quanto previsto dalla legge, lo stato d’emergenza non può durare oltre i 12 mesi per prorogarlo ulteriormente servirà un intervento legislativo ad hoc.

Sul piano concreto sarebbe, dunque, possibile ricorrere ancora allo smart working sia per dipendenti pubblici che privati mentre l’ingresso nel nostro Paese e il turismo in generale potrebbero subire nuovamente restrizioni per limitare la diffusione del virus. In più il Governo continuerebbe ad utilizzare i Dpcm, senza la necessità di ricevere l’approvazione del Parlamento.

Sull’ipotesi di proroga è intervenuto Pierpaolo Sileri che, nel corso della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus, ha dichiarato: “Bisogna ragionare ma tutto dipende dall’evoluzione della pandemia. Ne siamo quasi fuori ma la variante Omicron rimescola un po’ le carte. Vediamo come si procederà con le vaccinazioni. Se necessario lo stato d’emergenza dovrà essere prorogato ma comunque per poco tempo”.

Ancora una volta la speranza si lega all’accelerazione della campagna vaccinale che, a breve, coinvolgerà anche i più piccoli. A seguito del pronunciamento dell’EMA e della conferma dell’Aifa, infatti, anche il nostro Paese si prepara ad immunizzare la fascia di popolazione che va dai 5 agli 11 anni.

Potrebbe anche interessarti