“Battuta infelice, avete ragione ad essere arrabbiati”: le scuse del vicesindaco piemontese ai napoletani

Il vicesindaco di Cerano, Alessandro Albanese, in occasione del match di ieri che ha visto il Napoli battere il Milan, attraverso un post ha associato il nome della città partenopea alla camorra scatenando l’ira dei cittadini e provvedendo a porgere loro le sue scuse.

Vicesindaco di Cerano associa Napoli alla camorra: arrivano le scuse

A scatenare il commento del vicesindaco piemontese è stata la decisione dell’arbitro Massa di annullare il gol del calciatore rossonero Franck Kessié. Nel suo tweet, divenuto virale e poi successivamente rimosso, si legge: “Altro che ‘la mano de Dios’, questa è la mano della #camorra”.

Ancora una volta, dunque, la competizione calcistica viene sfruttata per denigrare il popolo partenopeo e rimarcare stereotipi insensati e ingiustificati oltre che del tutto fuori luogo. Di qui la replica del vicensindaco Albanese che, raggiunto dai microfoni di Radio Marte, ha spiegato: “Indubbiamente è stata un’uscita infelice, questo è fuori discussione. Infatti stamattina, dopo averci dormito su, il post è stato rimosso con tanto di scuse”.

“Lo ripeto è stato un commento sbagliato e infelice ma preso nell’impeto del momento sportivo ho ripreso il film ‘E’ stata la mando di Dio’, tra l’altro molto bello, e ho fatto questa battuta. Di certo sbagliatissima per il termine che ho usato”.

Scuse che non sono servite a placare la furia del conduttore, Gianni Simioli, che ha chiesto al vicesindaco di prendere in considerazione le dimissioni. “Lo valuterò con il mio sindaco e con gli altri molto serenamente. Purtroppo è stata un’uscita che riconosco essere sbagliata ma non lo penso che Napoli sia una città di camorristi. La Regione ha bellissimi posti dove sono stato e dove ci tornerei volentieri. Avete tutte le ragioni ad essere arrabbiati”.

Potrebbe anche interessarti