Morto Renato Scarpa, il mitico Robertino di “Ricomincio da tre”

renato scarpa mortoLutto nel mondo del cinema: è morto improvvisamente all’età di 82 anni l’attore Renato Scarpa, l’indimenticabile Robertino di “Ricomincio da tre” di Massimo Troisi.

Secondo quanto appreso finora, Scarpa è deceduto nella sua casa di Roma, in zona Bravetta. Sul posto in seguito al decesso sono intervenuti anche i carabinieri. Non sono stati chiariti i motivi della morte, ma al momento su ipotizzano cause naturali.

Renato Scarpa, che ci lascia a 82 anni, era nato a Milano il 14 settembre 1939 e aveva esordito al cinema alla fine anni ’60. Tra i suoi film più noti ricordiamo “Un sacco bello” di Carlo Verdone, in cui recita la parte di Sergio, in procinto di partire con lui per la Polonia; “Il postino” di Michael Radford; “Così parlò Bellavista” di Luciano De Crescenzo, in cui interpreta il mitico dottor Cazzaniga da Milano, e “Habemus Papam” di Nanni Moretti.

Renato Scarpa morto a 82 anni: l’addio di Verdone

Il mondo del cinema è in lutto per l’improvvisa scomparsa di un così grande attore. Tra i messaggi di cordoglio pubblicati in onore di Scarpa spicca quello di Carlo Verdone, che ha scritto un post accompagnato da un’immagine tratta da “Un Sacco Bello”.

Cari amici, chi ha amato ‘Un Sacco Bello’ non potrà non esser triste per la scomparsa di Renato Scarpa per un improvviso malore. Aveva anche lavorato con Massimo Troisi in “Ricomincio da tre”, e con tanti altri registi. Affettuoso, dotato di gran talento, aveva il dono della “misura”, cosa che non tutti gli attori hanno.

In questa scena tentavo di convincerlo a partire per Cracovia con le calze di seta e le penne a biro. Fantastico compagno di lavoro, lo ringrazio ancora per esser venuto il giorno dell’inaugurazione di una targa al ‘Palo della morte’ in Via Giovanni Conti (zona Val Melaina) a Roma, targa che celebrava quel film.

Fummo molto orgogliosi perché non ci aspettavamo il grande bagno di folla che ci fu. Ringrazio ancora questo caro amico che mi ha aiutato nella mia opera prima con garbo, affetto e talento. Persone così umili e gentili nel loro grande talento non ci sono più. Resterà sempre nei miei più bei ricordi. E credo anche, se avete amato quella pellicola, nella vostra memoria”.

Potrebbe anche interessarti