Napoli, in sei giorni 41 parti su 67 da donne positive: il 50% dei neonati nati ha bisogno di cure

napoli donne parti
Foto fb Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II – Area Comunicazione

In questi primi giorni del 2022, il Policlinico Federico II sta registrando un incremento di donne positive in procinto di partorire. Ciò implica un maggior rispetto della sicurezza e più cure per i neonati nati, spesso prematuri. Un grande lavoro portato avanti da uno staff di infermieri e medici dell’azienda ospedaliera di Napoli che hanno comunicato alcuni dati.

COVID TRA DONNE CHE DEVONO PARTORIRE: I NUMERI A NAPOLI

L’ultima a partorire è stata una donna che ha messo alla luce tre gemelli, positiva al covid e non vaccinata, proveniente dalla provincia di Salerno che è stata accolta dall’equipe di Ginecologia ed Ostetricia federiciana, diretta dal prof. Giuseppe Bifulco. Il parto è avvenuto alla trentaduesima settimana di gravidanza, la donna è stata assistita dal prof. Costantino Di Carlo.

Due dei neonati sono ricoverati nella Terapia Intensiva Neonatale, guidata dal prof. Francesco Raimondi (il terzo neonato è stato accolto presso altra struttura). 2717 i parti avvenuti nel 2021 al Policlinico Federico II, di cui 271 da donne positive al Covid-19. Dall’inizio del 2022 ad oggi, 67 i parti totali, di cui 41 Covid. 2973 il totale dei neonati assistiti nel 2021 dalla Neonatalologia e TIN della Federico II, di cui 274 nati da mamme positive al Covid. Dall’inizio del 2022, sono circa 70 i neonati assistiti, di cui poco più del 50% nati da mamme positive al Covid.

Come spiegato dal Direttore generale Anna Iervolino:

Alle equipe della Ginecologia ed Ostetricia e della Neonatologja e Terapia Intesiva Neonatale, un sincero ringraziamento per l’impegno con cui hanno affrontato, e stanno tuttora gestendo, l’emergenza pandemica, assistendo le mamme ed i loro bambini con grande professionalità ed umanità. A tutte le donne in gravidanza, desidero rivolgere, da donna e da madre, l’invito a vaccinarsi per proteggere sé stesse e i loro bambini“.

Potrebbe anche interessarti