Castellammare di Stabia: tornano il carrello solidale e il farmaco sospeso per aiutare chi è in difficoltà

castellammare carrello farmaco

Con la quarta ondata covid sempre più famiglie si trovano in difficoltà economica. La crisi infatti ha fatto perdere il lavoro a molti e il lungo isolamento ha impedito per esempio di svolgere alcune attività fondamentali per portare a fine mese uno stipendio.

CASTELLAMMARE, RITORNA IL FARMACO SOSPESO E IL CARRELLO SOLIDALE

Per questo il Comune di Castellammare di Stabia ha deciso di reintrodurre alcune misure a sostegno della popolazione che erano state attuate durante il primo lockdown: si tratta, tra le altre, del farmaco sospeso e del carrello solidale. A renderlo noto è il sindaco attraverso un post sul suo profilo Facebook:

Tornano le misure di sostegno dei servizi sociali per fronteggiare l’emergenza Covid-19. “Da 0 a 100 e più” riprende le attività avviate già durante la precedente ondata della pandemia: farmaco sospeso, assistenza psicologica e legale, carrello solidale, sportello online antiviolenza, centralino Covid-19.
Farmaco sospeso: è possibile acquistare un ticket spesa per i farmaci, presso le farmacie, parafarmacie e sanitari aderenti all’iniziativa, per aiutare le persone bisognose a ricevere cure mediche.
Assistenza psicologica e legale: consulenza telefonica mediante la disponibilità di psicologica e di avvocati messi a disposizione dall’ente e attivati all’occorrenza.
Carrello solidale: raccolta di generi alimentari presso gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa di solidarietà.

Centralino Covid-19: chiamando il numero dedicato 0813900352, sarà possibile ricevere informazioni su tutte le misure di sostegno. Il centralino è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00“.

Durante la pandemia si è registrato anche un aumento dei femminicidi e delle violenze domestiche, per questo è stato attivato uno:

Sportello online antiviolenza: sportello dedicato alle donne vittime di violenza mediante collegamento diretto con il centro accreditato sul territorio, ossia Il Rifugio di Jole. Siamo sempre al fianco delle persone bisognose e delle fasce deboli della popolazione. Nessuno sarà lasciato solo“.


Potrebbe anche interessarti