VIDEO/ Galleria Umberto, clochard contro lo sgombero: “Perché non ci date una casa?”

Foto di Velia Cammarano

La Galleria Umberto I di Napoli si avvia verso la rinascita: questa mattina è partito infatti il piano di riqualificazione e si è proceduto allo sgombero dei clochard.

Lo spazio della galleria oggi è assediato dalle impalcature e popolato dai senzatetto, che hanno fatto di quei ponteggi la loro casa. Il Comune di Napoli, però, ha offerto un’alternativa valida sia per i frequentatori della Galleria Umberto I, sia per chi si ritrova senza casa. Queste le parole dell’assessore alle politiche sociali, Luca Trapanese:

Noi abbiamo la fortuna di avere circa 70 organizzazioni che lavorano con i senza dimora. L’approccio è positivo, ma è chiaro che alcuni hanno la convinzione che i luoghi che hanno occupato siano la loro casa, e quindi non riescono a entrare nella mentalità di spostarsi. Questo è il lavoro che stiamo facendo.

Noi abbiamo a disposizione quasi 400 posti letto, tra associazioni e dormitori pubblici e privati, ma siamo di fronte a un’esigenza di circa 1.800 persone. Dobbiamo fare molto per loro, ma anche per fermare questo grande processo di povertà che stiamo riscontrando in tutta Europa“.

I clochard che attualmente occupano la struttura saranno dislocati in altre strutture entro tre settimane. A comunicarlo è il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che ha documentato le operazioni di sgombero dei clochard dalla Galleria Umberto I. Non sono mancati i momenti di tensione, come dimostra una donna che ha esclamato: “Ci sono tante case vuote, possiamo anche pagare. Perché non ce ne date una?

L’emergenza clochard ha fatto sì che in galleria si creassero dei veri e propri accampamenti, che hanno portato degrado e condizioni di vita poco consone a delle persone. Oggi nel corso delle operazioni è stata recuperata e smaltita una gran quantità di rifiuti, accumulati per gran parte soprattutto proprio dai senzatetto.

Una delle priorità dell’Amministrazione comunale è quindi mettere fine all’incuria e al degrado nella Galleria. A questo scopo il Comune prevede anche un programma di vigilanza diurna, garantita dal Comune con una pattuglia di polizia municipale, alla quale si affiancherà quella notturna, gestita da privati.

Potrebbe anche interessarti