Fine dello stato di emergenza per Covid: le nuove regole a scuola e sul lavoro

Con la fine dello stato di emergenza per Covid cambiano le regole per il contenimento della pandemia, a partire dalla cessazione del sistema di suddivisione delle regioni per fasce di colore e dall’obbligo di esibire il Green Pass. Quest’ultimo resta in vigore, ma soltanto in determinate occasioni. In questo articolo parliamo delle regole che riguardano la scuola ed il lavoro, mentre per gli altri ambiti vi rimandiamo all’approfondimento specifico.

Termina lo stato di emergenza: le regole a scuola e lavoro

Scuola

Il Ministero dell’Istruzione informa che a partire da domani, 1 aprile 2022, a scuola resta l’obbligo di indossare la mascherina chirurgica o di maggiore efficacia protettiva. Fanno eccezione i bambini fino a sei anni e i soggetti esenti per patologie o altri motivi. La mascherina va indossata anche sui messi di trasporto, sia pubblici che scolastici; fino al 30 aprile dovrà essere di tipo FFP2. La mascherina non va indossata durante l’attività sportiva.

Lavoro

Le persone con più di 50 anni non dovranno più avere il Green Pass rafforzato, ma sarà sufficiente quello base ottenibile con risultato negativo del test molecolare (72 ore) o antigenico (48 ore). La sospensione dal lavoro in caso di mancato possesso del Gree Pass rafforzato non è dunque più valida. Il ministro Speranza ha spiegato che “La sospensione dal lavoro resterà solo per una fascia che noi riteniamo essere quella più a rischio, più sensibile, perché è quella che ha più a che fare con le fragilità, ovvero il personale sanitario, i lavoratori delle strutture ospedaliere e i lavoratori delle Rsa”. Le altre categorie sono quindi esenti dall’obbligo di vaccinazione.

Potrebbe anche interessarti