Federico II: corsi di lingua e cultura italiane per i rifugiati ucraini

Federico II tasseCorsi gratuiti di italiano all’Università Federico II di Napoli per i profughi della guerra in Ucraina. L’ateneo, la più antica università laica al mondo, ripete l’iniziativa già messa in campo dall’Università L’Orientale che pure ha messo a disposizione delle lezioni per agevolare l’integrazione dei rifugiati ucraini.

Da oggi, 4 aprile, sono partiti i corsi a distanza in lingua e cultura italiane. I rifugiati dunque non solo possono apprendere la lingua, ma anche le conoscenze che riguardano le tradizioni italiane, gli usi, le nozioni principali che riguardano il paese.

Corsi di italiano per ucraini alla Federico II

“È significativo promuovere l’inclusione degli studenti profughi – dichiara la Prorettrice dell’Ateneo federiciano Rita Mastrullo a Corriere Università – partendo dall’apprendimento linguistico. L’Ateneo federiciano intende essere presente sul territorio per dare, a quanti sono costretti ad abbandonare il loro paese, una risposta concreta, attraverso l’ospitalità, la formazione linguistica, il dialogo interculturale e la valorizzazione delle diversità. I corsi di lingua e cultura italiana, tenuti dagli esperti in didattica L2 del Centro Linguistico di Ateneo, si orientano nell’ottica di costruire un’identità culturale forte ed unita nella pace. Nell’attuale scenario internazionale, segnato da tragici eventi bellici, ci stiamo impegnando affinché gli studenti rifugiati in Italia e provenienti da diversi continenti possano integrarsi con le loro diversità culturali in primo luogo nella città che li ospita e nell’Ateneo federiciano che li accoglie”.


Potrebbe anche interessarti