Ecdc, vaiolo delle scimmie a rischio per alcune categorie. Poi consiglia: “Astenersi dal sesso”

ecdc vaiolo scimmieDopo l’aumento dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa (92 casi in 12 paesi), l’Ecdc (il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha deciso di pubblicare un aggiornamento mettendo in guardia alcune categorie di persone considerate a rischio.

VAIOLO DELLE SCIMMIE, LE CATEGORIE A RISCHIO PER L’ECDC

Il rischio di trasmissione da uomo a uomo resta basso e può avvenire per contatto con materiale infettivo proveniente dalle lesioni cutanee di una persona infetta, attraverso le goccioline respiratorie in contatto prolungato faccia a faccia e attraverso i fluidi corporei. Alcune categorie di persone sono più a rischio:

Sebbene la maggior parte dei casi negli attuali focolai si sia presentata con sintomi di malattia lievi, il virus del vaiolo delle scimmie (MPXV) può causare malattie gravi in ​​alcuni gruppi di popolazione (bambini piccoli, donne in gravidanza, persone immunosoppresse). Tuttavia, la probabilità di casi con grave morbilità non può ancora essere stimata con precisione. Il rischio complessivo è valutato come moderato per le persone che hanno più partner sessuali (inclusi alcuni gruppi di MSM) e basso per la popolazione più ampia“.

LE MISURE DA ADOTTARE

L’Ecdc spiega anche come può essere utilizzato il vaccino contro il vaiolo delle scimmie e cosa fare in caso di sintomi:

Il vaccino contro il vaiolo può essere preso in considerazione per la profilassi post-esposizione dei contatti stretti ad aumentato rischio di malattia grave, tuttavia è necessario eseguire un’attenta valutazione del rapporto rischio/beneficio per l’individuo esposto. Mancano informazioni importanti sull’uso dei vaccini contro il vaiolo attualmente disponibili per i gruppi ad aumentato rischio di malattie gravi. Inoltre, gli antivirali sono potenziali opzioni di trattamento per i casi gravi. I casi dovrebbero rimanere isolati fino alla completa guarigione dell’eruzione cutanea, evitando il contatto con persone immunodepresse e animali domestici. Si consiglia inoltre di astenersi dall’attività sessuale e da uno stretto contatto fisico fino alla guarigione dell’eruzione cutanea. La maggior parte dei casi può rimanere a casa con cure di supporto. I contatti stretti dei casi di MPX dovrebbero monitorare autonomamente lo sviluppo dei sintomi fino a 21 giorni dall’ultima esposizione a un caso”.

Potrebbe anche interessarti