Follia durante la festa di Sant’Antonio, entra nel bar e tenta di uccidere il titolare: era geloso dell’ex moglie

E’ successo a Roccamonfina, in provincia di Caserta, dove i carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un 40enne del posto.

Roccamonfina, tenta di uccidere il rivale nel suo bar

L’uomo, da ritenersi innocente fino a sentenza definitiva, nella serata di ieri, è entrato all’interno di un bar armato di coltello ed ha prima minacciato, per futili motivi il titolare dell’esercizio pubblico e poi tentato di colpirlo al torace. I militari dell’Arma, intervenuti, sono riusciti a bloccato e disarmarlo. L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.

Secondo quanto riportato dal quotidiano online paesenews.it, alla base del folle gesto pare ci siano motivi passionali. L’uomo che è entrato nel bar durante i festeggiamenti di Sant’Antonio da Padova, ha aggredito e tentato di uccidere il titolare a causa di vecchi rancori e della forte gelosia verso l’ex moglie. Il proprietario del bar è riuscito a salvarsi grazie all’intervento di altre persone presenti sul posto e all’intervento tempestivo dei carabinieri.

L’arrestato, già noto alle Forze dell’Ordine, è un ex Agente del Corpo Forestale dello Stato ed è stato trasferito stamattina nel carcere di Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di tentato omicidio e porto di arma da taglio.

Potrebbe anche interessarti