FOTO/ Apre finalmente l’Università a Scampia, ecco i primi studenti. Una vittoria per Napoli

università federico II scampia
L’Università Federico II di Scampia

Oggi è stata finalmente inaugurata la sede di Scampia dell’Università Federico II di Napoli, che ospiterà ben 2.143 studenti del Corso di Professioni Sanitarie. Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza del Ministro dell’Università e della Ricerca Prof. Cristina Messa, del Magnifico Rettore, del Sindaco di Napoli e del Presidente della Regione Campania.

Apre l’Università a Scampia: arrivano i primi studenti

“Una grande idea che è diventata veramente la vittoria di tutti, di Scampia ma non solo di Scampia – ha commentato il rettore Mario Lorito – Un grande impegno della Federico II. Tutto questo perché noi ovviamente crediamo fortemente in quello che voi saprete e riuscirete a fare qui”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Unina Federico II (@uninait)

Una vittoria per Scampia e tutta la città di Napoli

Dopo 15 anni di attesa, gli spazi e gli edifici progettati dall’architetto Vittorio Gregotti saranno finalmente utilizzabili dagli studenti, lì dove sorgevano le famigerate Vele. La struttura è pronta: resta soltanto qualcosa da rifinire, ma gli studenti del primo anno possono già essere i protagonisti di un passo importante verso il futuro non solo proprio, ma di un quartiere intero che ha voglia di proseguire lungo la via del riscatto. Intorno all’Università sono già sorti i primi negozi, ed altri sorgeranno.

L'Università Federico II di Scampia
Manfredi all’Università Federico II di Scampia

L’edificio di sette piani è sovrastato da una copertura in vetro che mostra il cielo sulle teste, potranno seguire le lezioni e sostenere i loro primi esami. Al momento è previsto che ve ne siano meno, al momento, dei 2.143 della capienza prevista. Seguiranno nel plesso solo gli studenti del I anno, per andare a regime nel prossimo futuro. Altri 519 posti sono in Aula Magna con poltroncine rosse su un parquet in doussié (un legno proveniente dalle foreste africane) che regalano un colpo d’occhio non consueto.

L’intero quartiere è in trepidante attesa per l’apertura del nuovo complesso per imprimere una svolta alle ristrettezze di sempre. Cominciano ad aprire intorno i primi negozi: è prossima l’apertura di una cartoleria, di una rilegatoria e di una copisteria; ha già aperto una tavola calda, il negozio di alimentari ha già chiesto forniture extra per il pranzo dei giovani studenti. Una grande occasione per Scampia, un’opportunità per Napoli per dare risposte ai bisogni dei cittadini, segnati dallo stigma di Gomorra, che da tempo aspettavano questo importante giorno.


L'Università di Scampia
L’Università di Scampia

Potrebbe anche interessarti