Auto, ingegneri napoletani sul tetto del mondo: premiati per il miglior sistema elettronico

Photo Daniele Bottallo / ANFIA / Formula SAE Italy

Nel corso dell’edizione 2022 della competizione Formula Sae, che coinvolge team universitari provenienti da tutto il mondo per per la progettazione e realizzazione di auto da corsa, gli ingegneri della Squadra Corse dell’Università Federico II di Napoli si sono aggiudicati il TeoRace Special Awards. Si tratta di un riconoscimento speciale che premia il miglior processo di sviluppo dell’elettronica.

Ingegneri della Federico II vincono il TeoRace Special Awards

Teoresi, società d’ingegneria specializzata in tecnologia all’avanguardia per l’automotive, ha premiato il team napoletano per la “progettazione di un sistema elettronico innovativo e per la conoscenza e l’applicazione di metodologie, strumenti e processi di sviluppo del software a livelli decisamente qualificati e professionali”.

La squadra di UniNa Corse, capitanata dal team leader Simone Giordano, si è guadagnata il riconoscimento speciale che consiste in un trofeo e in un tool innovativo per la progettazione: Intrepid Control Systems, che consente la gestione delle reti di comunicazione a bordo veicolo, la diagnostica e la calibrazione.

I giovani ingegneri del polo partenopeo potranno anche avere accesso ad alcune delle posizioni aperte tra le carriere di Teoresi, per le quali aver vinto Formula Sae costituisce spesso un elemento preferenziale. Tra le 18 sedi operative dell’azienda in tutto il mondo, in Italia un polo di innovazione si trova proprio a Napoli.

“Per i giovani ingegneri, Formula Sae è un percorso fondamentale per acquisire competenze tecniche e relazionali necessarie per il loro ingresso nel mondo del lavoro: per questo Teoresi sostiene questo evento dal 2016 come occasione unica per fare networking e recruiting” –  dichiara Marco Bazzani, Innovation Manager di Teoresi Group.

L’edizione 2022 di Formula Sae ha visto la partecipazione di 1.700 studenti provenienti da 18 Paesi in tutto il mondo, per un totale di 64 team in gara, di cui 20 appartenenti ad atenei italiani tra cui Università della Calabria, di Bologna e il Politecnico di Torino.


Potrebbe anche interessarti