“Aumenta le tasse ai napoletani e spende milioni per Capodanno”: DeMa attacca Manfredi

napoli magistris manfredi capodanno
Napoli, de Magistris attacca Manfredi e critica le spese del Capodanno

A seguito delle ultime misure annunciate dal Comune di Napoli, l’ex sindaco partenopeo, Luigi de Magistris, è tornato ad attaccare l’attuale primo cittadino, Gaetano Manfredi, accusandolo ancora una volta di aver finanziato milioni per il Capodanno senza badare alle reali necessità della popolazione.

Napoli, de Magistris contro Manfredi: “Milioni per il Capodanno e tasse aumentate”

“Dopo l’approvazione del bilancio al consiglio comunale salta fuori anche il pacco per Napoli. Finora i denari, tanti, arrivati a Palazzo San Giacomo non sono serviti a migliorare i servizi della città, che anzi pur con i soldi in cassa e per evidente incapacità dell’amministrazione Manfredi, sono peggiorati. Abbiamo assistito alla triplicazione degli stipendi dei politici che governano oggi la città” – ha affermato de Magistris.

Ha, poi, criticato l’aumento dell’Irpef e della tassa di soggiorno: “Ecco ora la sorpresa per noi napoletani. Gli aumenti di tasse, imposte e gabelle varie. Ad esempio, più tasse per viaggiatori e turisti e aumento dell’Irpef per i napoletani. Hanno avuto i soldi, non migliorano i servizi, si aumentano gli stipendi, affidano incarichi ai sodali politici e aumentano le tasse”.

“Poi però chiudono l’anno con il botto: milioni di euro per il capodanno, senza essere riusciti a mettere le luminarie, una cifra enorme che nemmeno Bassolino in Regione mise ai tempi di Elton John. Facendo quattro conti, avendo noi realizzato dieci festività natalizie con pochi spiccioli ma con grandi eventi nazionali ed internazionali, questi milioni di euro dove vanno a finire? Ma guai a parlare di trasparenza perché il prof. Manfredi si innervosisce ma continua a non rispondere, tace”.


Potrebbe anche interessarti