Follia in ospedale, lancia acido muriatico contro guardia giurata

Coronavirus loreto mare
Acido su guardia giurata

Acido su guardia giurata. Si tratta di un 49enne albanese irregolare con precedenti di polizia che ha aggredito i vigilantes dell’ospedale Loreto mare di Napoli, ieri pomeriggio. Inoltre ha colpito uno di loro con alcune gocce di acido muriatico.

Acido su guardia giurata a Napoli

Quando gli agenti dell’Ufficio Prevenzione generale sono arrivati, hanno visto le tre guardie giurate che avevano fermato l’uomo. Poco prima, pretendendo notizie sulle condizioni della compagna ricoverata, aveva inveito contro il personale della vigilanza. Inoltre dopo aver aperto una bottiglia di acido muriatico, aveva tentato prima di colpirsi da solo per poi aggredire una guardia giurata con alcune gocce.

E’ stato denunciato per lesioni personali aggravate e resistenza a Pubblico Ufficiale. Una guardia è stata ferita alla mano e all’avambraccio destro e trasferita all’Ospedale Pellegrini.

La situazione è di una gravità assoluta è davvero allarmante, – denuncia il noto attivista sindacale Giuseppe Alviti leader associazione nazionale guardie particolari giurate – a una vera trincea lavorare in ospedale tanto è che ieri in quel di Pozzuoli un’altra guardie giurata è stata aggredita brutalmente per tale motivo bisogna militarizzare gli ospedali nella consapevolezza di donare sicurezza a tutti e non piangere morti bianche“.

Aggressione anche a Pozzuoli

A Pozzuoli, “nel mirino del ‘violento di turno’ – segnala l’associazione Nessuno tocchi Ippocrate – sono finiti un infermiere e una guardia giurata.

I fatti sono avvenuti intorno alle 11 all’ingresso del pronto soccorso dove un uomo ha dato in escandescenze dopo aver accompagnato il figlio che qualche minuto prima aveva rifiutato il trasporto con un’ambulanza del 118. Sul posto è stato necessario l’intervento della Polizia di Pozzuoli. Gli agenti hanno bloccato e poi denunciato a piede libero l’uomo per percosse e violenze. Sottoposti alle cure dei sanitari invece le due vittime”.


A Napoli, invece, è stata presa di mira un’ambulanza del 118 di Piazza del Gesù. Il mezzo di soccorso dopo aver prelevato un paziente si è diretta verso l’ospedale, quando “nei pressi di via Bernini – sottolinea sempre Nessuno tocchi Ippocrate – un signore a piedi, infastidito dal suono della sirena , ha scagliato una bottiglia di succo di frutta sulla fiancata dell’ambulanza. Solo per una coincidenza non ha colpito il vetro laterale mandandolo in frantumi e mettendo in pericolo la paziente al suo interno (già in condizioni critiche)”. “Non gli danno fastidio i botti abusivi o le risse ma l’ambulanza sì. Il servizio sanitario pubblico va protetto da violenti e teppisti”, è il commento di Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi-sinistra.

Potrebbe anche interessarti