VIDEO/ Napoli, papà prende il figlio a morsi perché piange: il racconto della mamma in lacrime

napoli papà picchia figlio
Napoli, il bimbo picchiato dal papà

Sta facendo il giro del web il video di un episodio successo a Pianura, quartiere di Napoli, dove si vede un papà che picchia il figlio neonato, come denunciato dalla mamma che si è rivolta al giornalista Pino Grazioli e al deputato Francesco Emilio Borrelli. L’aggressione, stando a quanto raccontato, si sarebbe consumata a causa del pianto del bambino, considerato probabilmente fastidioso.

Napoli, papà picchia il figlio neonato perché piange: la denuncia della mamma

Secondo il racconto emerso, il neonato non smetteva di piangere e, mentre la mamma era in bagno, il padre per zittirlo lo avrebbe preso a pugni, pizzichi e morsi. Una scena registrata dalle videocamere di sorveglianza installate in stanza.

Eravamo in camera da letto. Federico per la prima volta, da quando è nato, inizia a piangere di notte. E’ stato sempre tranquillissimo, la gioia di ogni mamma. Siamo usciti dalla camera da letto per farlo mangiare. Già da prima io avvertivo un senso di nausea. Siamo entrati nel salone dove c’era la telecamera, messa su sollecitazione della zia, perché avevamo già intuito qualcosa ma io non ci volevo credere” – racconta la mamma del piccolo in un video diffuso da Pino Grazioli.

La telecamera sarebbe stata installata in precedenza per uno scherzo e l’uomo ne era a conoscenza. In precedenza, come reso noto dalla compagna, non avrebbe mai dato segni di violenza: “Il mio ex compagno non sembra la persona che si vede nel video. Secondo quello che io pensavo era un uomo totalmente diverso ed è quello che ho messo agli atti alla Polizia. Sono andata a denunciare subito. Lui era a conoscenza della presenza telecamera”.

“Avevo dolori di stomaco, una nausea forte. Prendo il dondolino per farglielo mettere dentro e vado in bagno. Io inizio a vomitare e succede quello che accade sempre: ogni volta che il bambino andava in braccio al padre aveva delle crisi isteriche. Lo abbiamo sempre incoraggiato però a prenderlo ed avere un rapporto con questo bambino”.

“Dal bagno inizio a sentire Federico piangere ma stavo male e non potevo tornare a prenderlo. Lui inizia questa serie di violenze ingiustificate. Morsi, pizzichi, strattoni, lo ha sbattuto con la testa sulla sedia. In tutto questo glielo avevo dato io in braccio perché stava nel posto più sicuro del mondo: le braccia del papà”.

La donna si sarebbe accorta delle violenze subite dal bambino soltanto il mattino seguente quando, preparando il piccolo per uscire, ha notato il segno di un morso sul viso avrebbe iniziato ad indagare. Di qui la visione dei filmati della telecamera installata che l’avrebbero portata a sporgere denuncia contro l’ormai ex compagno.

“Si verifichi se il piccolo abbia subito altre violenze e si predispongano tutte le misure cautelative per la sua sicurezza. Ci aspettiamo che il padre di Federico venga denunciato e che ci siano nei suoi confronti giusti provvedimenti. Noi seguiremo la vicenda con la massima attenzione per la sicurezza del bambino e della mamma” – ha dichiarato il deputato Borrelli.


Potrebbe anche interessarti