Video. Ironia o cosa? In diretta Rai sul quattordicenne seviziato a Napoli

L'arena

Sta facendo il giro di tutti i giornali e di tutte le trasmissioni, la storia del ragazzino quattordicenne seviziato a Napoli con un compressore ma purtroppo non mancano le battute, sicuramente poco simpatiche, in merito a quanto accaduto.

Nel corso della trasmissione L’Arena di Massimo Giletti, Domenica pomeriggio è andato in scena un altro pietoso spettacolo che ha suscitato la reazione di molti telespettatori. Il conduttore in collegamento con la mamma dell’aggressore, la sta intervistando quando la signora continua ad asserire che quanto accaduto è stato uno scherzo, una cosa ‘banale’, qualcuno in studio, non ci sta e cogliendo al volo la rima baciata aggiunge ‘anale’, in riferimento alla violenza subita dal quattordicenne. E’ una voce di donna che non contenta ripete ancora una volta: “Anale”.

Probabilmente l’autrice di questa battuta intendeva solo sottolineare la differenza tra la banalità di cui parlava la mamma dell’aggressore e l’importante violenza subita dal ragazzino quattordicenne, accentuare il fatto che le due parole pronunciate hanno lo stesso suono ma non lo stesso significato, ma la verità è che non è possibile sapere il motivo di questa rima venuta fuori così facilmente, sicuramente c’è da dire che lo sdegno dei telespettatori è stato tanto, e il messaggio che è venuto fuori ha disturbato chi in quel momento seguiva la trasmissione.

Le telecamere staccano su Daniela Santanché, ospite della puntata, e resta il dubbio su chi abbia azzardato ad una battuta simile che se qualora avesse avuto le migliori intenzioni, sono state mestamente spente dalla reazione indignata dei presenti e dei telespettatori.

Ecco il video pubblicato da Il Mattino

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più