Video. Vesuvio, gli esperti: “Migliaia di morti ed intere città rase al suolo”

Vesuvio

Secondo gli esperti se il Vesuvio dovesse eruttare metterebbe a rischio una zona vasta quasi quanta mezza Europa. Migliaia di morti ed intere città con Napoli in testa, rase al suolo nel giro di pochi secondi“, questo è l’allarme lanciato dagli scienziati. E’ quanto riportato nel servizio pubblicato da Fanpage.it.

Per questo il vulcano è tenuto in costante osservazione dai vulcanologi dell’Osservatorio Vesuviano. Proprio nei giorni scorsi una squadra composta da sei uomini e una donna hanno effettuato delle indagini con una rete di “tiltmetri”, sensori capaci di registrare, in superficie o in profondità, ogni piccolo movimento della crosta terrestre. Il Responsabile dell’Unità di monitoraggio geofisico dell’Osservatorio Vesuviano, Giovanni Scarpato, ha raccontato: “Stiamo potenziando il sistema di monitoraggio anche con sistemi basati sul GPS, per controllare anche la zona di Ischia e dei Campi Flegrei. Abbiamo da poco realizzato un sistema basato su fibra ottica, che copre una buona parte del Gran cono del Vesuvio arrivando fino a quota mille dal lato orientale”, conclude lo scienziato.

Per la prima volta è stata filmata la fase di posizionamento di uno di questi sensori costruito negli Stati Uniti del valore di ognuno di circa 15.000 euro. La rete sarà composta da sette stazioni tiltmetriche di cui due con sensori di superficie e cinque di profondità con una sensibilità tra i 20 e i 26 metri, poi i dati raccolti verranno inviati ad una sala di controllo sorvegliata costantemente dagli scienziati.

Che la zona debba essere costantemente controllata è giusto ed è quasi scontato data la pericolosità del vulcano, ma creare degli allarmismi così catastrofici non contribuisce certo a migliorare i piani di fuga in caso di una eruzione.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più