Sciopero Generale 12 Dicembre: a Napoli sospesi i trasporti

treni regionali

Così non va!” è questo lo slogan dello sciopero generale previsto per il 12 dicembre nelle città di Roma, Milano, Torino e Napoli, idetto da Cgil e Uil.

Si scenderà in piazza, quindi, “per esprimere contrarietà circa le scelte del governo e sostenere le proposte sindacali in merito alla riforma della Pubblica Amministrazione, Jobs Act, Legge di Stabilità e Politica economica”, come si può leggere nel manifesto dello sciopero.

Susanna Camusso, segretaria generale della Cigl, ha dichiarato che “rassegnarsi ed aspettare non è la scelta che un sindacato può fare perché significherebbe essere parte del problema, invece noi siamo la soluzione”, invitando, quindi i manifestanti a far sentire la propria voce ed a scendere per strada.

Allo sciopero aderiranno dipendenti pubblici e statali dei più svariati settori: istruzione, sanità e trasporti. Ai sindacati non scende, soprattutto, il fatto che i contratti lavorativi non vengano rinnovati ma anche il blocco delle retribuzioni e dell’anzianità e puntano anche il dito contro la riforma scolastica proposta da Matteo Renzi e dal ministro dell’istruzione Giannini.

Prevista l’adesione anche da parte delle principali aziende di trasporto sia pubbliche che private. Si legge infatti nel comunicato EAV “La Segreteria Nazionale Autoferro-TPL del Sindacato OR.S.A., comunica la propria adesione all’agitazione per l’intera giornata del 12 dicembre 2014. Le modalità di sciopero generale – si legge ancora – di 24 ore del 12/12/2014, nelle Ferrovie dell’EAV S.r.l. (ferrovie ex Circumvesuviana, ex Sepsa ed ex MCNE), sono le seguenti: il personale legato all’esercizio, sciopererà per l’intera giornata, nel rispetto delle fasce di garanzia dei servizi minimi previste nei rispettivi rami di esercizio, anche il personale impiegatizio sciopererà per l’intera giornata

Potrebbe anche interessarti