Dal 2016 per andare in pensione bisognerà attendere 4 mesi in più!

pensioni

Il Ministero dell’Economia e Finanza ha deliberato in seguito ad una normativa sancita dalla riforma pensionistica Fornero che, a partire dal 1° gennaio 2016, saranno indispensabili 4 mesi di contributi in più per ottenere la pensione, il che equivale a dire a 4 mesi di lavoro in più.

Nello specifico, quindi, dal 2016 sarà possibile richiedere la pensione anticipata a 42 anni e 10 mesi  per quanto concerne gli uomini, mentre le donne potranno pensionarsi  a 41 anni e 10 mesi.

Per quanto concerne, invece, la pensione di vecchiaia, a partire dal 1° gennaio 2016 sarà necessario aver compiuto 66 anni e 7 mesi sia per gli uomini che per le donne dipendenti statali. Le donne operanti nel settore privato, invece, potranno richiedere la pensione dopo aver compiuto 65 anni e 7 mesi.

Per le lavoratrici autonome ( iscritte alla Gestione Separata, Gestione Artigiani e Commercianti) si passa dai 65 anni e 9 mesi necessari nel 2015 ai 66 anni ed 1 mese.

I quatto mesi di aumento interessano anche coloro i quali andranno in pensione con il sistema interamente contributivo dovranno compiere 63 anni e 7 mesi ma anche tutti i lavoratori che andranno in pensione con il vecchio sistema pensionistico pre-Fornero, ovvero gli esodati ed i dipendenti pubblici, che dovranno versare il 97,6% di contributi e non più il 97,3%  richiesti fino ad ora.

Cambiano, infine, anche le condizioni necessarie per la pensione per lavori usuranti. Anche in questo caso l’età necessaria ai fini pensionistici aumenta di quattro mesi.

 

 

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più