Giorgio Napolitano contento di tornare a casa! Ecco il possibile successore

Giorgio Napolitano

Poche ore ancora per Giorgio Napolitano come Presidente della Repubblica Italiana, e poi il ritorno a casa, per fare spazio ad un nuovo volto al comando del Paese.

Mentre il premier Matteo Renzi, da Strasburgo dedica un pensiero ed un applauso  da parte di tutto il Parlamento europeo per il Capo dello Stato e per il suo operato, Giorgio Napolitano compie l’ultimo gesto da Presidente della Repubblica, incontrando i corazzieri. Nove lunghi anni sono trascorsi dalla nomina ricevuta il 15 Maggio del 2006, nove anni in cui l’Italia ha subito cambiamenti, batoste, critiche, nove anni che sicuramente non sono passati inosservati.

Giorgio Napolitano, nel rispondere ad una bambina, dichiara di essere contento di tornare a casa, e che per quanto possa essere bello essere al Quirinale, è anche vero che è un po’ come essere in prigione. Qualcuno ironicamente potrebbe asserire che è finalmente giunta l’ora di un cambio al timone, nessun problema nei confronti di Napolitano ma forse arrivato ai suoi 89 anni, è giunto il momento di far spazio a qualcuno più giovane (e proprio considerando l’età di Napolitano non sarà difficile). Chi potrebbe sedere alla poltrona del Presidente? Sono tanti i nomi papabili, alcuni prevedibili, altri totalmente inattesi, si è parlato di Romano Prodi ex capo del Governo,  Pier Carlo Padoan, attuale ministro dell’Economia e delle Finanze, Mario Monti il professore della Bocconi, per niente amato dagli italiani, Giuliano Amato giudice costituzionale della Repubblica Italiana, Walter Veltroni, che potrebbe addirittura accordare in un compromesso Matteo Renzi e Silvio Berlusconi o anche  Pietro Grasso, attuale Presidente del Senato che intanto ricoprirà la carica di reggente fino al giuramento del prossimo Presidente della Repubblica.

Non bisogna sottovalutare però i nomi di due donne che potrebbero sconvolgere le naturali aspettative. Tutti immaginano come Capo dello Stato un altro uomo, e se invece fosse proprio una donna a prendere le redini? I nomi bollenti sono quello del Presidente della Commissione Affari costituzionali al Senato Anna Finocchiaro e lo storico personaggio dei radicali, conosciuta per i suoi incarichi svolti nel mondo, Emma Bonino.

Non manca molto alla nuova nomina, adesso bisogna solo aspettare e auspicarci la scelta migliore.

Potrebbe anche interessarti