Noi con Salvini a Napoli: “Abbiamo chiesto scusa per quello che è stato detto…”

Protesta Noi con Salvini

Ieri 19 gennaio, un gruppo di partenopei ha protestato animatamente contro il movimento “Noi con Salvini”: i manifestanti imperterriti hanno completamente impedito il passaggio a via Galileo Ferraris, lanciando uova e fuochi d’artificio contro le forze dell’ordine ed hanno esibito slogan molto “coloriti” nei confronti di Salvini, quali: “La disoccupazione non è colpa dell’immigrazione, ma del padrone” ed “Odio la Lega”. 

Nonostante la foga e l’impeto dei manifestanti e la conclusione con fuochi d’artificio, non ci sono stati danni ingenti tra i manifestanti. Il vicepresidente del movimento pro Salvini, Raffaele Volpi, ha affermato che ben presto ci sarà un vero e proprio tour in tutte le regioni. Ecco le sue dichiarazioni, come riportato dal Corrieredelmezzogiorno.it, alla domanda: “Ma non avete timore di fare una campagna al Sud?” “Abbiamo chiesto anche scusa per quello che è stato detto e in ogni caso, ora la Lega Nord ha un nuovo corso: ci siamo permessi di cambiare molto in un anno del nostro partito e credo che sia stata una scelta coraggiosa, dopotutto «non obblighiamo nessuno a votarci né a venire ai nostri incontri. Piuttosto il punto di domanda è come mai la «diffidenza» nei confronti della Lega non la vedo verso quelli che sono seduti in Regione piuttosto che al Comune a Napoli.”

Ha continuato dicendo: “Stiamo costruendo una struttura moderna e orizzontale. La Lega rappresenta sicuramente le istanze del Nord e sicuramente ci sarà un movimento che rappresenta le istanze del Sud e credo che in questo momento ci siano delle istanze comuni che è meglio combattere insieme.”

De Magistris, nonostante la disapprovazione delle malsane idee politiche di Salvini, ha dichiarato che Napoli è “una città inclusiva e che accoglie tutti.” 

Potrebbe anche interessarti