Lo zoo di Napoli è in restauro

Lo zoo di Napoli è in restauro

Nato nel 1940, aperto al pubblico nel 1949, uno splendido zoo apprezzato da tutto il mondo ma che negli ultimi anni è stato abbandonato a se stesso, ha finalmente riaperto con l’intento di riprendersi il suo posto prestigioso. Molte aree dello zoo sono già visitabili e molte alte sono in restauro ma questo Natale sarà possibile ammirare finalmente lo zoo partenopeo nel suo splendore. I dettagli su Napolidavivere.it

Lo zoo di Napoli fu costruito nel 1940 ma, a causa guerra, venne aperto al pubblico solo nel 1949 su una vasta estensione di 21 ettari e con 1365 animali tra mammiferi, uccelli e rettili. Purtroppo da qualche anno lo zoo è balzato alla cronaca solo per problemi legati alla sua chiusura. Ma le cose stanno cambiando: ad ottobre di quest’anno l’imprenditore napoletano Francesco Floro Flores ha rilevato il complesso e sta lavorando per recuperarlo e restituirgli il prestigioso ruolo internazionale che aveva nel passato.

Lo zoo napoletano era tra i più quotati a livello internazionale. Quando fu aperto era uno tra i primi zoo italiani e per tutta la seconda metà del ’900 fu considerato un polo d’avanguardia sia per le ricerche scientifiche svolte che per l’opera di conservazione nel loro habitat naturale di varie specie animali a rischio di estinzione. Furono molti anche gli animali che nacquero tra le mura dello zoopartenopeo facendo aumentare il suo prestigio internazionale.

Poi gli anni di crisi ed ora, finalmente la rinascita. Attualmente è aperta e visitabile solo una parte dello zoo perché diverse zone sono in ristrutturazione. Ma tra il 20 Dicembre 2013 e il  6 Gennaio 2014, nel periodo delle feste natalizie dovrebbero riaprire molte zone: è prevista infatti la presentazione della nuovaFattoria didattica con animali campani in estinzione, la riapertura e la “rinascita” del nuovo del rettilario, la ristrutturazione dell’ingresso dello Zoo, l’apertura del nuovo Parco Giochi e la ristrutturazione e apertura delnuovo Lago. La struttura si trasformerà da un normale zoo a un vero e proprio bioparco, così come quelli di tante capitali europee.

 

Al momento lo zoo di Napoli, che è comunque aperto e visitabile dalle 9 al tramonto (biglietto 6 euro), ospita circa 350 animali che arriveranno a 500 nella primavera del 2014 quando è prevista l’apertura definitiva  per la Festa di primavera per il completamento della ristrutturazione dello Zoo. Da qualche giorno è attivo anche il nuovo sito web che ci permette di seguire le date di rilascio delle varie zone.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più