Reddito: al Sud è la metà del Centro-Nord, dove c’è anche più illegalità

Reddito Italia - Nord e Sud

L’Istat ha calcolato il reddito delle singole regioni ed è risultato che quello del Centro-Nord è quasi il doppio rispetto a quello del Sud, una differenza così ampia che non si aveva dal 1965. A tale sproporzione ha contribuito anche l’inclusione nel PIL delle attività illegali, come l’evasione fiscale, il traffico di droga, la prostituzione e il contrabbando: viene così smentito (ma noi lo abbiamo sempre detto, basta che vi andiate a spulciare qualche vecchio articolo) il pregiudizio secondo cui il Mezzogiorno è terra di criminalità ed economia sommersa, poiché, se così fosse realmente, la distanza di reddito avrebbe dovuto ridursi ed invece è aumentata, segno che al Centro-Nord c’è più illegalità. È matematica, è logica, nessun delirio.

Milano, Bolzano, Bologna e Roma sono le province più ricche d’Italia, ma è quasi tutto il Nord ad essere sopra la media nazionale, mentre il Sud è tutto sotto la media, non vi è una sola provincia nella prima parte della classifica. Di città settentrionali o del Centro con un reddito medio inferiore alla media nazionale ne abbiamo poche, e queste in ogni caso sotto di poco sotto la media. Più scendiamo nella classifica, più andiamo a Sud, con la Sicilia e la Calabria, insieme alla Sardegna, generalmente più penalizzate, anche se agli ultimissimi posti troviamo pure Caserta e Barletta-Andria-Trani.

Se, come abbiamo visto, il luogo comune di un Mezzogiorno imbroglione e parassita è stato sfatato anche dall’Istat, emergendo dunque la fondatezza delle argomentazioni di chi, da sempre, ha affermato l’accanimento politico e mediatico contro il Sud, funzionale al mantenimento del suo status di colonia interna, ogni commento sembra a questo punto superfluo. I suddetti conti dell’Istat li potete leggere di persona cliccando qui.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più