Vesuvio, nuovo piano di emergenza: ma in caso di eruzione sarebbe panico

VesuvioNapoli. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’aggiornamento del piano di emergenza in caso di eruzione del Vesuvio, emanato da Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile. È stata anche ampliata la zona rossa che col nuovo piano comprende ben 25 comuni, rispetto ai 18 compresi nel vecchio piano del 2001.

Ma non mancano le polemiche. Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della Radiazza attaccano il capo della Protezione Civile Gabrielli, sostenendo che “sarebbe ora di passare dalla teoria alla pratica”.

“Dopo l’ennesima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale delle indicazioni per l’aggiornamento delle pianificazioni di emergenza per rischio vulcanico della zona rossa dell’area vesuviana emanate dal Capo del Dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli – sostengono i due – sarebbe il momento di realizzare le prove di evacuazione e trasformare tutta questa teoria in un minimo di pratica per gli abitanti del territorio. Per ora nessuno che abita in quelle zone è minimamente coinvolto in questi piani e tanto meno ha chiaro cosa dovrà fare in caso di emergenza”.

Denuncia estremamente condivisibile, specialmente se ricordiamo la stima secondo la quale se eruttasse il Vesuvio si creerebbe un ingorgo di 800 chilometri, perché non solo mancano le infrastrutture, i piani e i mezzi per evacuare la zona, ma gli stessi piani sono strutturalmente carenti. Se si verificasse l’evento, perciò, il panico tra la popolazione sarebbe assoluto e gli scenari disastrosi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più