Via Caracciolo diventa un maxi villaggio turistico: l’ultima iniziativa del Comune di Napoli

Via Partenope

“Villaggio turistico 2015”  è il progetto che il comune di Napoli intende realizzare per dar vita, a un maxi villaggio sul lungomare, dotato di stand, punti di ristoro e un palco, che durerà dagli inizi di giugno al 15 agosto. Un’iniziativa che vuole ampliare l’offerta turistica e arricchire quella culturale oltreché valorizzare il commercio e le attività ricettive attraverso eventi, preserali e serali,  di ogni genere: teatro, incontri letterari, conferenze, arte, musica, danza, cinema, video, spettacoli per bambini, mostre e, per finire, anche iniziative sportive.

A tale manifestazione è permessa la partecipazione di imprese, consorzi, enti, fondazioni e associazioni non profit, le cui domande di candidatura, presentabili dal 12 al 16 aprile, saranno giudicate da una commissione apposita nominata dal Comune. Venticinque il massimo dei punti che possono essere assegnati in base agli allestimenti proposti, idem per quanto riguarda il piano di comunicazione, venti per il numero di esercenti coinvolti, dieci per i servizi a supporto dei partecipanti. Infine, chi ha svolto nell’ultimo anno analoghi servizi, può aggiudicarsi venti punti.

Al di là delle polemiche avanzate sui social network in merito al poco tempo a disposizione per poter organizzare una simile manifestazione, un’incognita avvolge l’intero progetto e ha per protagonista Luciano Garella, sovrintendente subentrato al posto di Giorgio Cozzolino. Se costui, durante il suo incarico, più volte si è scontrato con l’amministrazione di Lugi De Magistris  in seno alla gestione di strade e piazze sotto vincolo, cosa ne penserà adesso Garella, dato che via Caracciolo, sede di ambientazione e svolgimento della manifestazione suddetta, è una una zona sotto strettissimo vincolo paesaggistico?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più