Senso civico a Napoli. Napoletani ripuliscono di notte i monumenti imbrattati dai vandali

 

fontana di monteolivetoLe vicende della Fontana di Monteoliveto sono tristemente note a tutti i napoletani che hanno ancora a cuore la salvaguardia del patrimonio artistico della propria città. L’opera scultorea, devastata da anni di vandalismo e graffiti di ogni sorta, era stata ripulita e riportata alla vita da alcuni volontari dell’ associazione “Sii turista della tua città”, completamente a titolo gratuito. L’impresa, però, non ricevette alcun plauso dalle istituzioni, ma una serie di polemiche e attacchi sulla liceità o meno di una simile operazione.

Nonostante il Comune di Napoli si sia impegnato a restaurare le fontane della città, la fontana di Monteoliveto, nei mesi successivi al restauro “clandestino”, è stata nuovamente vittima dei vandali, diventando ancora una volta ricettacolo di dediche, numeri di telefono e offese.

LEGGI ANCHE
Cucina tradizionale, abbracci, fiori e tante sorprese nel cuore di Napoli

Particolare dei graffiti sulla fontana di Monteoliveto

Eppure, come testimoniato dalle foto pubblicate sulla pagina Fb di “Sii turista della tua Città”, sembra che molti napoletani sentano ancora il bisogno di proteggere il bello. Alcuni cittadini, durante la notte, seguendo l’esempio di “Sii turista della tua città”, hanno di nuovo ripulito la fontana, cancellando scritte e graffiti. Una rivincita, questa, contro tutti gli indifferenti, contro tutti quelli che aspettano che siano “gli altri” a risolvere i problemi. Forse, a Napoli, sono ancora più le persone che sanno rimboccarsi le maniche, di quelle che non vedono, o addirittura vedono e distruggono.

Particolare graffiti fontana Monteoliveto

Tuttavia viene da chiedersi perchè solo i privati abbiano questo impulso di conservazione, perchè la voglia di fare sia solo di chi può realizzare queste cose di nascosto e con enormi sacrifici. Se anche le istituzioni sentissero questo bisogno di migliorare la città che governano, allora le fontane non avrebbero più bisogno di “vigilantes” notturni che le proteggano con i pochi mezzi di cui dispongono.

LEGGI ANCHE
15 maggio 2016, gita e picnic sul Vesuvio con Sii Turista! Ecco come partecipare

Potrebbe anche interessarti