Pompei, verranno restaurati gli 86 calchi delle vittime del Vesuvio

Calco dalle Terme Stabiane 2

Il “Grande Progetto Pompei” promosso dal Governo per attuare interventi conservativi, di prevenzione, e manutenzione prevede il restauro degli ottantasei calchi di Pompei delle vittime dell’eruzione. Venti di essi saranno poi esposti nella mostra “Pompei e l’Europa. 1748-1943”, prevista per il 27 maggio. Di seguito, riportiamo il comunicato stampa inviatoci dall’ufficio stampa della Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia:

“Proseguono gli interventi di restauro dei calchi delle vittime dell’eruzione, previsti nell’ambito del Grande Progetto Pompei, che interesseranno tutti gli 86 calchi di Pompei, di cui oltre 20 saranno esposti in occasione della mostra  “Pompei e l’Europa. 1748- 1943”,  in programma dal prossimo 27 maggio.
A partire dai prossimi giorni i calchi in esposizione in alcuni edifici degli scavi di Pompei (Macellum, Granai, Terme Stabiane, Villa dei Misteri) saranno temporaneamente trasferiti al laboratorio di restauro della Soprintendenza per essere sottoposti a interventi di restauro e di studio. Il cantiere sarà organizzato, prevalentemente, presso la sede del Laboratorio e nell’adiacente area dell’Insula Ocidentalis, con ulteriori cantieri allestiti in situ presso l’Orto dei Fuggiaschi e nei pressi di Porta Nocera.
L’intervento, primo a riguardare contemporaneamente tutti i calchi pompeiani, oltre a consentire la ricomposizione di alcuni di loro ritrovati in frammenti, come quelli presso via di Nola, prevede indagini a raggi X, studi specifici sul DNA, ricostruzioni con laser scanner.
Si ricorda, inoltre, che proprio al fine di consentire l’allestimento della mostra proseguono i lavori all’Anfiteatro che resterà chiuso fino all’inaugurazione della stessa (27 maggio).”

Potrebbe anche interessarti