Video. Giorgio Bocca e il suo SputtaNapoli: “Nascere a Napoli è una sfortuna”

Giorgio Bocca

Giorgio Bocca, scrittore e giornalista piemontese scomparso nel 2011, non ha mai risparmiato critiche su Napoli e sui napoletani che lui stesso ha definito per tutta la sua vita solo degli ignoranti plebei. Bocca ha sempre ammesso di provare una forte intolleranza nei confronti del Sud che è stato offeso aspramente nei suoi libri, nei suoi articoli e nelle interviste fatte nel corso degli anni.

Nelle ultime ore ha ripreso a circolare nel web una sua intervista, ormai datata ma pur sempre denigratoria, che ha ricordato il disprezzo e le parole negative pronunciate dal re dello SputtaNapoli che ha sempre considerato Napoli simbolo della rovina dell’Italia intera.

Nel video Giorgio Bocca ammette che per lui i napoletani sono destinati a vivere in una città ormai “decomposta da migliaia di anni”. Quando Fabio Fazio gli chiede cosa potrebbe riportare speranza e fiducia a Napoli, il giornalista risponde: “I leghisti dicevano forza Etna, forza Vesuvio. Ma forse è un po’ esagerato”.

Il Sud, secondo il giornalista, è ormai destinato alle mani della camorra diventata piaga irrisolvibile. Il video si conclude con un’affermazione che all’epoca fece storcere il naso a tutti i napoletani i quali continueranno a ritenere ancora un oltraggio: “Nascere a Napoli è una sfortuna, una enorme sfortuna”.

CLICCA PER FAR PARTIRE IL VIDEO

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più