Affreschi rubati a Pompei ritrovati dopo 58 anni negli Usa

affreschi
Foto: Ansa

Tre meravigliosi affreschi del I secolo a.C che erano stati rubati nel 1957 dall’ufficio Scavi della Soprintendenza Archeologica di Pompei sono stati finalmente recuperati in Usa grazie al lavoro svolto dai carabinieri Tutela Patrimonio Culturale con la collaborazione dell’Ice.

Secondo quanto comunicato dall’Ansa, i quadri appartenevano ad una collezione privata di un magnate americano. Dopo la morte di quest’ultimo vennero rubati e stavano per essere venduti all’asta. Su uno di essi è raffigurata una donna con un amorino sulla spalla, sull’altro una figura maschile e sull’ultimo una figura femminile con oinochoe, ovvero un vaso simile ad una brocca che veniva utilizzato per versare vino o acqua.

LEGGI ANCHE
Video. David Nordmann, il vagabondo ritrovato a Napoli innamorato pazzo della città

Altri tre furono gli affreschi che vennero rubati insieme a questi ultimi poi ritrovati nel corso degli anni dai carabinieri dei beni culturali in Svizzera, Gran Bretagna e Stati Uniti. Su di un quadro è affrescato un pavone, su un altro Dioniso e sul terzo una Ministra sacrificante.

Potrebbe anche interessarti