Spazzini per necessità: l’idea di due commercianti napoletani

Spazzino Napoli

Due commercianti partenopei, Ezio e Carmine, si sono improvvisati spazzini pur di aiutare, nel loro piccolo, la città di Napoli a liberarsi dai cumuli di rifiuti, da cui è costantemente sommersa e per sopperire da sé alla mancanza di personale addetto alla pulizia. La zona interessata è quella di Piazza Carlo III, precisamente via Bernardo Tanucci, dove risiedono i loro esercizi commerciali, nei pressi del Real Albergo dei Poveri.

“Servono per ammoniaca, creolina, scope, stracci e altri detersivi che siamo costretti a comprare per poter dare un’aspetto dignitoso alla strada. Oggi ci sono solo 12 operatori ecologici e non riescono a pulire tutto il quartiere. Fino a quattro anni fa erano 44, e questo vale per l’intera città”: hanno dichiarato, come ha riportato il Mattino.it. Dieci euro è la cifra simbolica che si aggiunge alle altre, che ogni anno i due pagano regolarmente.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più