Arriva il Droga Test per gli automobilisti. Anche Napoli tra le città interessate

Droga Test

Automobilisti napoletani da questa sera parte il “Droga Test”. Autovelox, Tutor, Targa System e la futura introduzione del reato di omicidio stradale non placano la stretta sugli italiani indisciplinati al volante. Tanti, forse troppi, gli incidenti causati negli ultimi anni da una guida sotto gli effetti di alcool e stupefacenti. E così, la Polizia stradale affiancata dai medici e sanitari delle questure, effettuerà dei controlli sugli automobilisti di tutta Italia.

Il Droga Test avrà la durata, in questa prima fase sperimentale, di tre mesi a partire da oggi. Indicate anche le prime città dello Stivale nelle quali verranno attuati i controlli, tra queste anche la città di Napoli. In totale sono 20: Novara, Bergamo, Brescia, Padova, Verona, Trieste, Savona, Bologna, Forlì Cesena, Ancona, Ascoli Piceno, Perugia, Roma, Pescara, Teramo, Napoli, Bari, Messina e Cagliari.

Gli autisti fermati dalla polizia, ai quali sarà chiesto di sottoporsi al Droga Test, saranno sottoposti al test della saliva che evidenzierà l’eventuale positività ai principali tipi di droga.

I dati forniti da polizia e carabinieri comunicano di un fenomeno, quello di mettersi alla guida non in perfetto stato, notevolmente radicato sull’intero territorio nazionale. Nel primo quadrimestre del 2015 sono stati controllati quasi 500.000 automobilisti di cui oltre 8.000 multati per guida in stato di ebrezza mentre 552 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Un quadro che ha spinto la polizia a chiedere l’estensione del Droga Test per un triennio, con la richiesta di 2 milioni di euro al Dipartimento Politiche Antidroga per passare da una fase sperimentale ad una progettuale che possa mettere in guardia gli automobilisti italiani dal rischio di guidare in uno stato poco adeguato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più