Invocare il demone Charlie: il nuovo pericoloso gioco dei giovani

Charlie

Nell’ultimo periodo, sul web ed in particolare sui social network ed addirittura su Whatsapp, è stata divulgata una notizia alquanto discutibile: si tratta della cosiddetta “Sfida del Charlie Charlie” , che non fa altro che confondere le idee ai più giovani. Sinteticamente, su un foglio vengono trascritte le parole “Sì” e “No”, si posizionano due matite a mo’ di croce e si invoca uno spirito, chiamato appunto “Charlie”, al quale si pongono determinate domande. Le risposte vengono determinate in base allo spostamento delle matite.

Varie testimonianze raccolte in diverse scuole d’Italia invitano i ragazzi a non praticare questo “gioco” per ovvi motivi. Attraverso l’invio di circolari, gli insegnanti ed i dirigenti scolastici vietato ne vietato la pratica. Don Candido, un prete di Ischia, ha divulgato un chiaro messaggio su FB, di cui riportiamo un estratto: “Come tutte le mode del momento anche questa ha richiamato molti giovani a scherzarci su. Così, i ragazzi si ritrovano ad evocare spiriti demoniaci nelle abitazioni, nelle scuole o in altri luoghi dove si dilettano a provare questa “ebbrezza” senza minimamente immaginare che cosa scatenano. Si potrebbe chiamare “incoscienza giovanile” ma preferisco chiamarla “stupidità” e “ignoranza” in quanto tutti coloro che si dilettano in questa pratica nemmeno comprendono che cosa potrebbe accadergli.”

Voi cosa ne pensate? Che tipo di spiegazione date? E soprattutto cosa direste ai ragazzi che erroneamente cadono in questo tipo di fenomeno, la cui divulgazione potrebbe essere decisamente evitata? In che modo tenerli lontani da tutto ciò?

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più